Main menu
19/08/19

Awakening through art - Risvegli

Come può l’arte risvegliare una città? Peter Assmann ci guida alla scoperta del coraggio di aprirsi alla creatività, che ha permesso ad alcuni luoghi speciali di assurgere allo status di piú visitati del pianeta. Monumenti e artisti straordinari, oggi ampiamente celebrati, non hanno avuto questa fortuna sin dall'inizio: spesso dimenticati o criticati per lungo tempo, hanno guadagnato prestigio grazie a scelte coraggiose fatte in precisi momenti della storia. Dal Colosseo di Roma alla Biennale d'Arte di Venezia, da Pisanello a Rubens, Peter Assmann racconta di alcuni "risvegli" celebrando la creatività come forza dirompente in grado di rovesciare il corso degli eventi verso orizzonti di virtuosa positività.

Il video è realizzato da TEDx Mantova

 

Leggi tutto...
30/07/19

In sette mesi oltre duecentomila visitatori

Il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova supera la soglia dei 200.000 visitatori nei primi sette mesi del 2019, attestandosi su una proiezione in linea con il trend degli ultimi quattro anni. In particolare, rispetto al 2018, i visitatori sono quasi 7.000 in più, facendo registrare un aumento nonostante il clima torrido di questi ultimi giorni.

“Con il mio staff e i nostri partner stiamo lavorando bene – afferma Peter Assmann – e i dati lo dimostrano. La grande mostra su Giulio Romano di Palazzo Ducale, in collaborazione con il Louvre di Parigi, è ormai alle porte e siamo certi che quest’aspettativa si tradurrà in ancor più visitatori. Anche nel 2019, possiamo dire che ci attesteremo oltre la soglia dei 300.000 biglietti annui: un traguardo storico per la reggia dei Gonzaga e una piacevole certezza per la città di Mantova”.

Il mese di luglio, in analogia con gli anni precedenti, ha registrato un lieve calo attestandosi sopra i 12.000 visitatori, facendo da contraltare a un marzo 2019 strepitoso che ha superato i 40.000. I mesi primaverili si confermano la stagione più florida per il turismo culturale mantovano, con i picchi di aprile e maggio che gravitano attorno ai 50.000 visitatori mensili. Il periodo estivo, complice il caldo, è tradizionalmente un momento di calo dei flussi turistici che riprendono con decisione in autunno, fino all’inverno dove flettono nuovamente.

Visitatori 2019 gennaio luglio

Leggi tutto...
30/07/19

Ultimo lotto per la Galleria della Mostra

La Galleria della Mostra comincia a riapparire in tutta la sua straordinaria maestosità: a poco meno di un mese dalla conclusione dei restauri, iniziati lo scorso marzo su generosa sponsorizzazione della Fondazione BAM in collaborazione con la Società per il Palazzo Ducale (che si è pregiata di un ulteriore contributo di Fondazione Comunità Mantovana), si possono già apprezzare i frutti del duro lavoro. Una rinnovata luminosità – merito delle operazioni di pulitura e rinsaldo delle superfici pittoriche distaccatesi nel corso degli anni – avvolge ora l’ambiente esaltandone lo scorcio prospettico e donando forte efficacia al notevole soffitto cassettonato.

Tra lunedì 29 e martedì 30 luglio sono state smontate le impalcature del secondo lotto per rimontarle in corrispondenza della terza e ultima parte. L’impresa Marchetti e Fontanini afferma che i lavori procedono regolarmente e possiamo considerare di chiudere i restauri entro i piani programmati, ovvero poco oltre la metà di agosto.

“Le opere proseguono nei tempi stabiliti – afferma Peter Assmann – e siamo molto contenti di come sta lavorando tutta la squadra. La riapertura di questo eccezionale ambiente avverrà in occasione della mostra “Con nuova e stravagante maniera. Giulio Romano a Mantova” ma naturalmente proseguirà anche a esposizione conclusa, come un dono alla città di Mantova, che potrà così andare ancor più fiera delle proprie eccellenze artistiche".

La Galleria della Mostra è uno dei più vasti ambienti di Palazzo Ducale: un enorme vano di 64 metri di lunghezza, largo quasi sette metri e alto otto. Illuminata da nove finestroni rivolti sullo straordinario Cortile della Cavallerizza, la galleria fu iniziata nell'ultimo decennio del XVI secolo su progetto di Giovan Battista Bertani, per essere adibita a luogo di esposizione per le tele e i reperti della portentosa collezione della famiglia Gonzaga. Il suo nome deriva dunque proprio da questo, dalla volontà della famiglia mantovana di “mostrare” agli ospiti la propria grandezza.

DSC 0044m low

---


Restauro della Galleria della Mostra
grazie al generoso contributo di Fondazione BAM e alla collaborazione della Società per il Palazzo Ducale di Mantova

Progettisti e Direzione Lavori:
Renata Casarin – Storico dell’arte
Giovanni Antonio Mazzeri – Architetto
Manuela Mattana – Architetto
Daniela Marzia Mazzaglia – Restauratore

Imprese esecutrici:
Marchetti e Fontanini snc
Pontek srl

Coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione:
Geom. Antonio Fabbri

Durata prevista 150 giorni lavorativi
Inizio lavori 8 marzo 2019 – fine lavori prevista 19 agosto 2019

Leggi tutto...
30/07/19

L'Università di Colonia al Ducale

Grazie a una prestigiosa collaborazione con l’Università di Colonia, la collezione statuaria conservata presso Palazzo Ducale è oggetto in questi giorni di un minuzioso lavoro di catalogazione. Il Prof. Dietrich Boschung e la sua squadra di collaboratori (il Jun. Prof. Thoralf Schröder, la Dott.ssa Caterina Parigi, il fotografo Philipp Gross e le studentesse Lisa Schadow e Elise Tacconi) stanno procedendo con l’analisi degli oltre duecento pezzi – tra cui molti busti databili tra il I secolo a.C. e il III secolo d.C. – per realizzarne una schedatura analitica. Questo lavoro confluirà nel progetto Arachne, la banca dati centralizzata online dell’Istituto Archeologico Germanico (DAI) e dell’Istituto di Archeologia dell’Università di Colonia, uno strumento di ricerca gratuito per l’archeologia e le scienze dell’antichità classica, con cui visionare velocemente oggetti e contesti in centinaia di migliaia di schede.

DSC 0048m low

“La collezione è davvero interessante – ci racconta Caterina Parigi – ci sono marmi greci, utilizzati per le sculture, e molti pezzi “rilavorati”. Nel Rinascimento, infatti, si era soliti riusare busti classici ai quali si sostituivano alcune parti per adattarli a nuove committenze. Questa prassi di modificare e integrare le opere della classicità è perdurata fino all’Ottocento”.

DSC 0051m low

Prima di questa collaborazione con Palazzo Ducale, l’equipe del Prof. Boschung ha lavorato alla schedatura delle prestigiose collezioni dei Musei Vaticani e del Pergamon Museum di Berlino, che sono tra le più importanti al mondo. La collezione conservata a Palazzo Ducale verrà dunque studiata in maniera analitica e inserita in un circuito europeo. Il progetto durerà circa due anni e rappresenta un modo per promuovere un pezzo superstite di quella sontuosa collezione di opere d'arte che la famiglia Gonzaga fu in grado di raggruppare a Mantova durante gli anni del suo più fulgido splendore.

DSC 0056m low

Leggi tutto...
25/07/19

GIULIO VOLA CON AIR DOLOMITI

Giulio Romano volerà con Air Dolomiti. È stato appena siglato dal Complesso Museale di Palazzo Ducale Mantova e dalla Compagnia aerea italiana del Gruppo Lufthansa, che opera dai principali aeroporti italiani verso la Germania, con oltre 700 voli settimanali sugli hub di Lufthansa di Monaco di Baviera e Francoforte, un accordo di reciprocità per promuovere la mostra "Con Nuova e Stravagante Maniera. Giulio Romano a Mantova", in programma a Palazzo Ducale di Mantova dal 6 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020.

Oltre a pubblicizzare l’evento sui propri canali social e sulla propria rivista inflight "Rivista Spazio Italia", Air Dolomiti offrirà una tariffa agevolata del 20% per i visitatori della mostra, sui voli acquistati dal 1° luglio al 30 novembre 2019, e che voleranno nel periodo compreso tra il 6 ottobre e il 20 dicembre 2019, da richiedere tramite sales center al numero tel. 045.2886140. Reciprocamente, il Complesso Museale di Palazzo Ducale di Mantova garantirà l’ingresso ridotto ai viaggiatori di Air Dolomiti che si presenteranno in biglietteria, con la carta d’imbarco della compagnia aerea.

“Tra gli obiettivi della grande mostra su Giulio Romano di Palazzo Ducale – afferma il Direttore Peter Assmann – c’è quello di incentivare nuovi flussi turistici. Un complesso museale come il nostro, con caratteristiche uniche in Europa, rappresenta un polo attrattivo fondamentale per Mantova, in grado di generare un indotto economico esteso e diffuso per la città. Questa partnership con Air Dolomiti rappresenta un ulteriore traguardo in questa direzione e ne siamo naturalmente molto orgogliosi.”​

Maggiori informazioni sulla Compagnia aerea disponibili al sito: https://www.airdolomiti.it/ .

Leggi tutto...
23/07/19

Avviso per il pubblico

Si comunica che il giorno di venerdì 26 luglio verranno eseguiti i trattamenti di disinfestazione alle porte e alle finestre del pian terreno del Castello di San Giorgio, dell'Appartamento di Troia, della Galleria dei Mesi e dell'Appartamento della Rustica. L'intero percorso museale di Corte Nuova sarà pertanto chiuso al pubblico per questioni di sicurezza e verrà riaperto in occasione dell'apertura serale a partire dalle ore 19.15 fino alle 22.15 (ultimo ingresso ore 21.20).

Ci scusiamo con i gentili visitatori per il disagio.

Leggi tutto...
15/07/19

Noi donne del Rinascimento

In occasione dell'estate riprendono le "visite animate" di teatrOrtaet a Palazzo Ducale: venerdì 30 agosto, alle ore 20,30 sarà possibile partecipare alla visita guidata itinerante e in costume focalizzata su una selezione delle figure femminili più significative del Rinascimento italiano.

Per prenotazioni tel. 0376 352100, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Costo della visita animata € 5,00 (i bambini fino ai 6 anni partecipano gratuitamente) con biglietto di ingresso del Complesso Museale Palazzo Ducale (intero € 13,00, solo Corte Vecchia € 6,50).

---

"Noi Donne del Rinascimento" è un vero e proprio spettacolo teatrale in costume. Questo titolo riassume il quinquennale lavoro sul Rinascimento italiano, iniziato per il Castello Estense di Ferrara con Lucrezia Borgia (e il recente approfondimento su Ludovico Ariosto), culminato nelle due diverse visite animate ambientate a Roma all’interno di Castel Sant’Angelo, che si sta concludendo con la biografia di Isabella d’Este per Palazzo Ducale a Mantova.

“I volti segreti della storia” ha assunto l’aspetto di un’autentica carrellata di personaggi storici, che mette alla prova le doti trasformistiche del duo di teatrOrtaet chiamato a calarsi, in rapida successione nei panni dei grandi protagonisti politici, religiosi e artistici del Cinquecento.

donne di rinascimento locandina per Mantova low

Lo spettacolo racconta i fatti, ma soprattutto le emozioni di questi anni in un vorticare di personaggi maschili e femminili, ciascuno dei quali esprime dal proprio punto di vista un frammento di questa epocale trasformazione della percezione del mondo. Apre la visita, Lucrezia Borgia, la “regina nera”, figlia di papa Borgia, che, accingendosi a sposare Alfonso d’Este e a dare una svolta alla sua esistenza votata alla ragion di stato, si contrappone alla cinica logica politica del fratello Cesare Borgia, il Valentino. È quindi la volta di Giulia Farnese, la giovanissima amante di papa Borgia, che si confronta con il fratello Alessandro, divenuto cardinale per merito della sua scandalosa relazione e, dopo la morte della sorella, eletto papa con il nome di Paolo III. Ancora oggi l’appartamento di papa Farnese, in cui è esposta la Dama del liocorno che la tradizione vuole essere il ritratto segreto di Giulia, rappresenta il fulcro artistico di Castel Sant’Angelo. Davanti al dipinto di Luca Longhi, Paolo III ormai anziano rievoca il destino della sorella e la “damnatio memoriae” che ha impedito fossero tramandate ai posteri le sembianze di “Giulia la Bella”. C’è Lutero, che dopo aver visitato Roma la stigmatizza come “Babilonia infernale”, e papa Clemente VII Medici, che si rammarica di non aver colto appieno l’eversività di quel monaco fino a quando non si troverà imprigionato nel castello dai lanzichenecchi luterani. C’è Isabella d’Este, che ha indugiato a Roma per ottenere il cappello cardinalizio per il figlio Ercole e che sfugge a malapena alla furia dei saccheggiatori, grazie all’intervento dell’altro figlio, Ferrante, generale degli Imperiali.

visita animata 9357 cut

Ma ci sono anche gli artisti, da Raffaello a Michelangelo, che con la loro sensibilità hanno dato la misura dello sconvolgimento, non solo negativo, portato negli animi dalla Protesta. Ci sono quindi i portavoce delle esigenze di autentica riforma germinate all’interno le mondo cattolico, in risposta alle provocazioni luterane, ma anche ai tanti appelli al rinnovamento della chiesa scaturiti autonomamente dalle menti più sensibili e illuminate. Il cardinale inglese Reginald Pole, legato pontificio alle prime fasi del Concilio di Trento e la sua “figlia spirituale”, la poetessa Vittoria Colonna, tanto ammirata da Michelangelo, presentano con drammatica vivacità le istanze di una spiritualità meno artificiosa, che rinuncia almeno in parte all’eleganza del classicismo per un’autenticità più diretta e sofferta, non senza il rischio di incorrere negli strali dell’Inquisizione pontificia. La lettura degli stati d’animo è agevolata dalla comparsa di personaggi allegorici: Psiche, metafora mitologica del cammino iniziatico di elevazione dell’anima a Dio e la Follia “elogiata” da Erasmo da Rotterdam. Il finale è dedicato a Beatrice Cenci, giovane patrizia romana imprigionata a Castel Sant’Angelo per aver ucciso il padre Francesco, uomo violento che abusava di lei: Beatrice Cenci ricorre nei deliri del pittore Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, che ne ricorda ossessivamente nei propri quadri la pubblica decapitazione (1599), unitamente a un’altra vittima di stupro, la coraggiosa pittrice Artemisia Gentileschi.

visita animata 9389 cut

Leggi tutto...
12/07/19

Call for papers per Giulio Romano

E' aperta una call for papers - una richiesta di contributi rivolta a studiosi e personale accademico - per l'organizzazione di un ciclo di convegni a Mantova (Palazzo Ducale) e a Roma (Accademia di San Luca) dedicati alla figura di Giulio Romano artista universale che si svolgeranno tra il 14 e il 18 ottobre. Chiunque fosse interessato a proporre un testo potrà inviare, entro e non oltre il 9 settembre 2019, un abstract di non oltre 300 parole, in lingua italiana o inglese, accompagnato da una breve nota curriculare e da cinque parole chiave.

Il materiale va inviato agli indirizzi e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (per le sessioni di Palazzo Ducale), Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (per le sessioni dell’Accademia di San Luca).

---

Giulio Pippi (1492 o 1499-1546), universalmente noto come Giulio Romano, per la sua origine, rappresenta un caso unico nella scena artistica del Rinascimento. Nato nella città dei papi, la sua fortuna, già al tempo della formazione da allievo di Raffaello, si consolidò nell’Urbe grazie alle commissioni che portarono alla realizzazione di edifici quali la villa Turini-Lante sul Gianicolo, il palazzo Stati Maccarani a Sant’Eustachio e, in parte, il palazzo Adimari-Salviati alla Lungara, per raggiungere l’apice con il trasferimento a Mantova al soldo dell’allora marchese Federico II Gonzaga.

L’occasione del convegno nasce dalla contestuale mostra organizzata in suo onore presso il Palazzo Ducale della città lombarda con il sostegno eccezionale del Musée du Louvre, dedicata alla produzione grafica dell’artista, dal titolo “Con nuova e stravagante maniera”. Giulio Romano a Mantova (6 ottobre 2019-6 gennaio 2020). L’iniziativa sarà articolata in due parti, la prima a Mantova, la seconda a Roma, entrambe strutturate in sessioni tematiche. L’obiettivo generale è aprire una discussione tra studiosi di varie discipline su alcune questioni centrali degli studi sull’artista. Il racconto dell’opera di Giulio nei suoi molteplici aspetti e da più punti di vista sarà mirato all’individuazione di nuovi orizzonti di studio e di interpretazione della sua figura, nel suo tempo e nelle città in cui fu protagonista. Tema cruciale sarà il rapporto tra Giulio e l’arte del disegno, nell’ambito dell’architettura, dell’ornato e della figura di cui fu uno dei massimi esponenti nel panorama coevo. In particolare, si vuole porre l’attenzione sul suo processo ideativo attraverso il mezzo espressivo dell’arte grafica, in cui l’uso della linea generatrice nella composizione di disegni, oggetti, facciate e complessi spazi architettonici sembra essere alla fonte dell’iter creativo.

Temi delle sessioni:

Sessioni mantovane
Il ruolo del disegno in Giulio Romano
Il ruolo dell’artista nella società di inizio Cinquecento
La fortuna di Giulio Romano fuori Mantova

Sessioni romane
Giulio Romano architetto della linea-spazio-luce
Il ruolo del disegno. Architettura e ornato
Giulio e i suoi coetanei: un confronto possibile
La lezione di Giulio: allievi e seguaci tra Mantova e Roma

L’esito della selezione a cura del comitato scientifico verrà comunicato agli autori. Le spese di viaggio e di alloggio saranno a carico dei partecipanti. Sarà valutato un eventuale rimborso spese. Gli organizzatori avranno cura di provvedere al pranzo e alla cena nelle giornate del convegno.

Luoghi:
Mantova, Complesso Museale Palazzo Ducale
Atrio degli Arcieri – ingresso da piazza Lega Lombarda
Roma, Accademia Nazionale di San Luca

---

CALL FOR PAPERS - CONVEGNO INTERNAZIONALE DI STUDI
Giulio Romano
pittore, architetto, artista universale

Studi e ricerche
Palazzo Ducale, Mantova: 14-15 ottobre 2019
Accademia Nazionale di San Luca, Roma: 16-17-18 ottobre 2019

Coordinamento scientifico
Peter Assmann, Francesco Moschini, Maria Cristina Loi, Antonio Russo, Michela Zurla

Lingue: italiano, inglese
Scadenza presentazione proposte: 9 settembre 2019

Leggi tutto...
02/07/19

APERTURE SERALI ESTATE DUCALE 2019

Per festeggiare l’inizio dell’estate il Complesso Museale Palazzo Ducale ha predisposto un calendario di aperture straordinarie serali. Nei venerdì previsti da luglio a settembre, la reggia rimarrà aperta per tre ore oltre il consueto orario di chiusura, ovvero fino alle ore 22.15 (chiusura biglietteria 21.20). I visitatori potranno così apprezzare i tradizionali percorsi di visita e partecipare alle inedite attività in programma nella suggestiva cornice delle serate estive.
L’ingresso è subordinato all’acquisto del biglietto ordinario ed è consigliata la prenotazione alle iniziative.

Di seguito il calendario:

5 luglio: apertura del Museo Archeologico con visita guidata alla mostra “Displaced” a cura di Mari Hirose, funzionario archeologo (ore 20.30).
19 luglio: apertura di Palazzo Ducale e Museo Archeologico con visita guidata “Le decorazioni di epoca napoleonica” a cura di Stefano L’Occaso, funzionario storico dell’arte (ore 20.30).
26 luglio: apertura di Palazzo Ducale con la visita animata “Noi donne del Rinascimento” a cura di Teatrortaet (ore 20.30, costo € 5,00 oltre al biglietto d’ingresso), un vero e proprio spettacolo teatrale itinerante e in costume che rievoca i grandi personaggi femminili del Rinascimento a partire dalla figura di Isabella d'Este nella cornice delle più suggestive sale del Palazzo.
30 agosto: apertura di Palazzo Ducale con la visita animata “Noi donne del Rinascimento” a cura di Teatrortaet (ore 20.30, costo € 5,00 oltre al biglietto d’ingresso), un vero e proprio spettacolo teatrale itinerante e in costume che rievoca i grandi personaggi femminili del Rinascimento a partire dalla figura di Isabella d'Este nella cornice delle più suggestive sale del Palazzo.
6 settembre: apertura di Palazzo Ducale e Museo Archeologico in occasione di Festivaletteratura e dell’apertura delle mostre su Lucio Pozzi e Cesare Lazzarini.
13 settembre: apertura del Museo Archeologico con visita guidata “Il culto di Iside a Mantova” a cura dell’egittologa Georgiana Ursache e di Mari Hirose, funzionario archeologo (ore 20.30).
20 settembre: apertura di Palazzo Ducale e Museo Archeologico con visita guidata alla mostra “Aemulatio e Emulsione” con l’artista Matthias Herrmann e il direttore Peter Assmann (ore 20.30).
27 settembre: apertura di Palazzo Ducale e Museo Archeologico in occasione della “Notte dei Ricercatori”, un'iniziativa promossa dalla Commissione Europea fin dal 2005 con lo scopo di divulgare in maniera leggera ed informale il lavoro dei ricercatori nei più diversi ambiti della conoscenza.

Ricordiamo inoltre che tutti i sabati da giugno a ottobre l’ingresso ai tradizionali percorsi del museo è gratuito dalle ore 17.15 alle 19.15 (ultimo ingresso ore 18.20) e per l’intera giornata di sabato 17 agosto 2019. La gratuità non comprende la mostra “Con nuova e stravagante maniera. Giulio Romano a Mantova” che aprirà il 6 ottobre 2019.

Leggi tutto...
27/06/19

Partono i creativity camps: i campus estivi al Museo Archeologico di Mantova

Cari bambini dai 7 agli 11 anni, dite a mamma e papà di iscrivervi subito ai nuovissimi creativity camps che partiranno dal 15 luglio al Museo Archeologico per avere una estate piena di archeologia, arte, storia, per fare nuove scoperte e imparare a conoscere la storia e il patrimonio culturale della Vostra città!

I campus estivi, che per la prima volta vengono organizzati nel Complesso museale di Palazzo Ducale di Mantova - con la ditta Aster srl di Milano – si svolgeranno dal 15 al 26 luglio e dal 26 agosto al 6 settembre 2019 nella sede del Museo Archeologico.

Due i percorsi tematici proposti:

Naturalmente estate con noi, per passare una settimana immersi con l'immaginazione e non solo nel mondo della natura: come si viveva nell'antichità quando macchine ed elettricità non esistevano, andando a ritroso dal Medioevo all'età Neolitica passando per Romani e Etruschi, per rivivere nel corso dei secoli il rapporto dell'uomo con la natura, il paesaggio, l'agricoltura realizzando abitazioni, cibi, tessuti, colori, amuleti, opere d'arte... tutto naturale al 100%!

Da grande farò… Ogni giornata sarà dedicata ad un diverso mestiere: l’archeologo, l’artista, l’egittologo, il pittore e l’architetto. Una settimana durante la quale si viaggerà nel tempo e nello spazio tra laboratori creativi con materiali naturali e giochi, per decidere cosa fare da grandi!

 

INFORMAZIONI PRATICHE

I laboratori si svolgeranno nelle settimane dal 15 al 19 luglio, dal 22 al 26 luglio, dal 26 al 30 agosto e dal 2 al 6 settembre 2019, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 16.30 (o dalle 9.00 alle 17.00)

Costi: a giornata: 25 euro cad. minimo 12 iscritti a settimana: 100 euro min. 14 iscritti.

Il costo comprende tutte le attività e la copertura assicurativa; non comprende il pranzo al sacco, le merende e altre spese non specificate. I Creativity Camps partono con un minimo di 14 iscritti all'intera settimana. Prenotazione obbligatoria da effettuare entro il mercoledì precedente. Su richiesta di almeno 14 iscritti all'intera settimana, è possibile attivare anche altre settimane estive.

PRENOTAZIONI E ULTERIORI INFORMAZIONI Aster srl (lun-ven 9.00-13.00 / 14.00 – 16.00) tel 02 20404175 e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Leggi tutto...
19/06/19

Studi sulle lamelle di ossidiana

L'Università del Sud della Florida ha avviato un progetto di studio presso il Museo Archeologico Nazionale del nostro Complesso Museale per l'analisi della provenienza dei manufatti di ossidiana durante il periodo Neolitico. Si tratta di un lavoro che consentirà di approfondire la conoscenza della cultura dei popoli vissuti alcuni millenni anni fa nel territorio mantovano.

01 m low

In attesa di conoscere gli esiti di questi prestigiosi studi, riportiamo le parole del Dott. Andrea Vianello, ricercatore del Dipartimento di Antropologia della University of South Florida a seguito dei lavori:

"Il prof. Robert H. Tykot e il sottoscritto dott. Andrea Vianello siamo stati ospiti presso il Museo Archeologico Nazionale per effettuare alcune indagini su lamelle in ossidiana, nell'ambito di uno studio più ampio riguardante le vie di circolazione di questo materiale durante il Neolitico (6000-3500 a.C. circa). I manufatti sono stati esaminati utilizzando uno spettrometro a fluorescenza di raggi X, modello Bruker III-SD. Questo metodo di analisi non distruttivo determina la composizione degli elementi in traccia inclusi (rubidio, stronzio, ittrio, zirconio, niobio), normalmente utilizzati per riconoscere i giacimenti geologici di provenienza dei manufatti preistorici in ossidiana. Nel Mediterraneo Centrale, i possibili giacimenti sono quelli di Lipari, Palmarola, Pantelleria, e Monte Arci in Sardegna. Prima sono stati analizzati campioni geologici da giacimenti e sottogiacimenti, quali Gabellotto e Canneto Dentro a Lipari, Balata dei Turchi e Lago di Venere a Pantelleria, o SA, SB1, SB2 e SC a Monte Arci. Campioni geologici dai Carpazi (Ungheria-Ucraina) e dalla Grecia sono stati anch'essi esaminati. I dati ottenuti presso il Museo Archeologico saranno calibrati e trasformati in quantità standardizzate (ad esempio parti per milione per gli elementi in traccia), confrontabili con i dati relativi ai campioni geologici. Questo consentirà di riconoscere l’esatta provenienza dei manufatti mantovani. I risultati preliminari hanno evidenziato differenze sostanziali negli elementi chimici dei diversi reperti, che provenivano da almeno tre giacimenti primari diversi".

03 low

Leggi tutto...
13/06/19

CLOSER TO STRANGE

LaGalleria Arte Contemporanea ospita la nuova doppia personale dedicata alle artiste Canan Dagdelen, di origine turca, e alla mantovana Giuliana Natali. L’esposizione, intitolata “Closer to Strange” dai curatori Peter Assmann e Renata Casarin, prevede interventi artistici lungo il tradizionale percorso di Corte Vecchia.

Apertura dal 15 giugno al 24 agosto 2019

---

Qualcosa di strano, “Closer to strange”, appare: sono altri mondi possibili, galassie smarrite dove ancora possono vivere primarie forme ataviche modulate in terracotta da Canan Dagdelen, insieme a creature primitive, a inflorescenze inquietanti magistralmente intrecciate da Giuliana Natali. Fabbriche di cosmi gettati nello spazio o incurvati dentro i meandri dell’io. Realtà sommerse, ma anche recondite, scavate, tirate fuori da recessi della memoria collettiva o ancestrale.
Da un lato un mondo leggero, etereo, impalpabile, come interpretato dalle sculture di Canan Dagdelen; le sue sono opere suscettibili di inglobare più realtà, che si collocano almeno fra due mondi: si estendono tra est e ovest, comprendono l’architettura e la scultura, si sviluppano fra un fuori e un dentro, contemplano una linea curva e una linea rettilinea, una forma convessa e una forma concava. Nella sua ricerca, l’artista cerca costantemente di creare ponti fra diversi ambienti culturali, rivolgendosi con la sua maiolica o porcellana ad una fonte culturale comune, usando strutture geometriche che ormai sono diventate un linguaggio diffuso della cosiddetta “modernità internazionale”.
Dall'altro lato, l’universo sordo, monumentale, ingombrante di Giuliana Natali, che comporta però un’idea di costruzione minimale fatta di intrecci che recuperano il lavoro, il sapere femminile e modelli iconici atavici. I suoi corpi plastici racchiudono una forma essenziale, pura, grandiosa nella sua semplicità; invadente ma armoniosa, austera ma gentile, potente ma discreta, che estrinseca le riflessioni concettuali dell’artista attraverso tecniche e immagini differenti, a raggiungere esiti artistici accattivanti ma contemporaneamente tormentati.
Nasce così un universo ibrido, popolato da animali arcaici, colossi di lana pelosa su un’anima metallica, un cuore freddo per pelli soffici e morbide carezze. E’ così che l’artista ridesta la paura dell’ignoto, dello sconosciuto, di ciò che siamo stati in epoche lontane e saremo in epoche future, davvero qualcosa di strano, che ci appartiene e potrà appartenerci molto a lungo...stranamente molto a lungo.

Nulla Sala degli Specchi low
© foto di Vito Magnanini

Nuovo Eden Sala dei Fiumi low
© foto di Vito Magnanini

La mostra è allestita nella Galleria Arte Contemporanea. Nel museo di palazzo Ducale, nel percorso di Corte Vecchia, trovano spazio invece le installazioni delle stesse artiste. Nella Sala del Pisanello Giuliana Natali mette in scena la processione delle Korai, sculture femminili eleganti quanto inquietanti, assieme al libro d’artista “Immagina con i tuoi occhi” che, attraverso l’impiego della scrittura braille, esplica la poesia e liricità tipici della produzione dell’artista. Nella Sala dei Fiumi la stessa Natali abbina Ritorno alle origini, un lavoro che ripropone il suo interesse per un certo mondo animale, con Nuovo Eden, opera preziosa, ricercata, che fa leva anche sui decisi contrasti cromatici.
Canan Dagdelen ha invece concepito e progettato per la Sala degli Specchi una scultura sospesa, espressamente realizzata a Mantova per questa mostra, in cui il preciso approccio tecnico scientifico caratteristico della Dagdelen viene sublimato nella riflessione, altrettanto per lei tipica, dell’importanza del tema dell’interculturalità. L’artista infatti per la sua installazione ha deliberatamente scelto la parola italiana Nulla, tracciata nella sua personale grafia. La sua intenzione è di sviluppare un’immagine calligrafica che si risolve nella prospettiva centrale, fondamentale per la concezione rinascimentale, altamente pittorica, di spazio; la parola è infatti leggibile da un unico punto focale. L’opera fa sottile riferimento alla transitorietà della vita terrestre, e fluttua senza tempo tra il firmamento e la terra.

Note biografiche delle artiste:
Canan Dagdelen nasce nel 1960 a Istanbul. Frequenta a Vienna – città dove vive attualmente – la facoltà di Economia e Amministrazione finanziaria e l’Università di Arti Applicate, della quale è docente dal 2003. Dal 2005 diventa docente presso l’Università di Arte e Design Industriale a Linz. Ha realizzato mostre personali in Turchia, Austria e Qatar, oltre ad alcune collettive anche in Italia e Giappone.
Giuliana Natali nasce a Castel d’Ario (Mantova) il 26 luglio 1951. Vive e lavora a Porto Mantovano. La sua formazione artistica inizia da esperienze dirette sul campo, da autodidatta, in quanto gli studi effettuati riguardano la Grafica (istituto Paolo Toschi di Parma), la Storia dell’Arte e l’Architettura a livello universitario. Ha realizzato diverse mostre personali nel territorio di Mantova, Verona, Brescia, Padova e Milano, oltre ad alcune collettive in tutto il nord Italia.

13 Untitled CD low

Profilo di città immaginaria low
© foto di Vito Magnanini

---

14 giugno 2019 – 24 agosto 2019
Closer to strange. Canan Dagdelen/ Giuliana Natali
a cura di Peter Assmann, Renata Casarin
Mantova, Palazzo Ducale - LaGALLERIA arte contemporanea
con interventi artistici nel percorso museale di Corte Vecchia

Inaugurazione: venerdì 14 giugno, ore 18.00.

Orari di apertura: martedi-domenica, 14.30 – 19.00; lunedi chiuso
Biglietti: da martedì a sabato: ingresso libero
Domenica e festivi: ingresso con biglietto del Museo di Palazzo Ducale

Leggi tutto...
07/06/19

Matthias Herrmann. Aemulatio e emulsione

Aperta la nuova mostra fotografica di Palazzo Ducale lungo il percorso di Corte Vecchia: dall'8 giugno al 6 ottobre, dal martedì alla domenica (ore 13.45-19-15).
L'isola n.1 - portico cortile d'onore - è visitabile solo al mattino dalle ore 8.15 alle 13.15.

A questo link è possibile scaricare in formato pdf la guida alla mostra.

---

“Il mondo possibile della narrativa è l’unico universo in cui noi possiamo essere assolutamente sicuri di qualcosa, e che ci fornisce una idea molto forte di Verità.”
(Umberto Eco)

“Matthias Herrmann. Aemulatio e emulsione” è il titolo della nuova mostra di Palazzo Ducale prevista lungo il tradizionale percorso di Corte Vecchia. Il concetto dell’esposizione, a cura di Peter Assmann, prevede otto “isole” in cui le opere di Matthias Herrmann (1963, Monaco di Baviera) instaurano un dialogo con gli ambienti e le opere della reggia gonzaghesca. Il lavoro visivo dell’artista tedesco parla di narrazioni, delle storie dietro, dentro e intorno a un’immagine. Egli affronta in maniera personale il tema dell’immaginazione, quella capacità della cultura umana di produrre immagini che restano e si aprono verso un futuro, nella discussione sulle esperienze comuni dell’uomo.

La mostra nasce da un lungo e approfondito lavoro di ricerca compiuto sul Palazzo Ducale di Mantova e sulla storia della famiglia Gonzaga. La sensibilità artistica di Herrmann acquisisce, cattura, medita e ripropone frammenti individuati nel percorso di visita del Palazzo. Nuove enfasi e nuovi focus vengono così proposti attraverso le opere fotografiche; visioni e studi che si affiancano alla storicizzata ricerca espressiva dell’artista, volta a considerare la figura umana come protagonista di una narrazione. La dimensione del racconto tocca sia la realtà museale sia l’ambiente urbano, in continuo rimando tra inside e outside del luogo e dell’artista stesso. Le opere fotografiche di Herrmann attirano l’attenzione dello spettatore su dettagli che suggeriscono nuove interpretazioni del soggetto artistico di partenza, conferendo così un valore aggiunto che stimola l’interesse e arricchisce la facoltà percettiva dell’osservatore.

24 30cm tu in questa tomba Kopie low

Note biografiche:
“Il mio percorso artistico non è sempre stato lineare; dopo due anni (1986–1988) come ballerino al balletto della Staatsoper a Vienna, ho studiato arte concettuale all’Università d’Arte Decorativa, sempre a Vienna, per poi lavorare come fotografo per musei e gallerie, facendo la documentazione delle loro mostre. Nel 1999 fui eletto Presidente della Secession a Vienna, il famoso museo, o Kunsthalle, fondato da un gruppo d’artisti intorno a Gustav Klimt (primo presidente), nel 1897; dopo sette anni diventai professore di fotografia alla Akademie der bildenden Künste Wien e lì fui anche il Decane (Preside di facoltà) per le arti plastiche. Dopo 5 anni mi chiesi: come voglio trascorrere il resto della mia vita artistica? Voglio spendere il mio tempo insegnando e organizzando le cose per altri, oppure, senza il successo assicurato e le carezze dei colleghi, concentrarmi sulle mie idee? (…) Nel 2011, decisi di lasciare il mondo istituzionale e di essere “solamente artista” (e in seguito anche contadino, in quanto ereditai un’azienda agricola in Toscana).“
Dal catalogo tascabile della mostra

MARTE giulio low

---

Matthias Herrmann “Aemulatio e Emulsione”
a cura di Peter Assmann
Mantova, Complesso Museale Palazzo Ducale, Percorso di Corte Vecchia
Orari di apertura: dal martedì alla domenica, 13.45 – 19.15
Biglietti: ingresso con biglietto intero del Museo di Palazzo Ducale (intero, € 13,00; ridotto, € 2,00) o di Corte Vecchia (intero, € 6,50; ridotto, € 2,00)

corpo felice low

Leggi tutto...
01/06/19

VELOCITÀ: DAI CAVALLI DEI GONZAGA ALLE NAVICELLE SPAZIALI

Dal 1° giugno fino al 28 luglio, con apertura tutti i pomeriggi dal martedì alla domenica dalle ore 14.30 alle 18.30, sarà allestita una nuova mostra presso la Rustica a Palazzo Ducale, a cura di Mantova Creativa in collaborazione con la Scuderia Tazio Nuvolari Italia e il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova.

“Velocità: dai cavalli dei Gonzaga alle navicelle spaziali”: una mostra che già nel titolo è carica di suggestione. Una scelta precisa che non stride con uno scenario impreziosito da tesori d’arte ma semmai lo asseconda. Basti ricordare che i Gonzaga erano famosi per allevare cavalli da corsa imbattibili per velocità e resistenza, contesi da tutte le corti d’Europa, pagati a cifre da record bruciando la concorrenza delle grandi famiglie del tempo, i Medici, gli Estensi e i Farnese. Proprio Mantova vanta peraltro da sempre una tradizione specifica nell’ambito della velocità. Così nel ciclismo con lo sprinter Francesco Verri, tre ori olimpici ad Atene 1906, e con il leggendario Learco Guerra. Per non parlare di Tazio Nuvolari, il “mito dei miti” in un’epoca che ha visto l’automobilismo assurgere a emblema di energia vitale sino a ispirare le intuizioni futuristiche di Tommaso Marinetti.

Velocita 01
foto gentilmente concessa da "La Gazzetta di Mantova"

Ideata da Giampaolo Benedini e curata da Adalberto Scemma, la mostra nasce da un progetto di Mantova Creativa con la Scuderia Tazio Nuvolari e il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova e si articola attraverso varie sezioni per raccontare la velocità come mito del nostro tempo. Per secoli lo sviluppo tecnico ha permesso, in ogni campo, di potenziare la rapidità umana. Ma tecnologia non significa solo uso di strumentazioni tecniche; anche il corpo umano ha la sua tecnologia di velocità, dispiegata nello sport, per esempio, dove riflessi e potenza muscolare determinano gran parte dei successi di un atleta. Ecco dunque che la velocità va a incidere sull’immaginazione al punto da essere realmente percepita anche in assenza di movimento. A patto naturalmente che l’artista, lo scienziato, l’ingegnere, il regista, o il creativo ne vogliano mostrare l’essenza e le conseguenze emotive e visive. In questa dimensione si precisa il fulcro della mostra, che coinvolge variegati aspetti legati alla velocità intesa come desiderio, bisogno, sensibilità e non soltanto come sviluppo tecnologico o motorio. Il tutto con l’aiuto di filmati, schede, materiale fotografico e con la presenza di reperti storici. Dalla velocità dell’uomo, con il mito di Usain Bolt e di Eliud Kipchoge in evidenza, a quella degli animali, con le prestazioni-record del giaguaro e del falco pellegrino, la mostra analizza uno scenario storico che è fonte inesauribile di curiosità e di sorprese. Poi si accendono i fari sugli strumenti tecnici che hanno ispirato una corsa condotta in accelerazione costante, come se il destino dell’uomo, e della sua sete di conquista, fosse fatalmente legato alla capacità di percepire, per sublimarla, l’essenza del rapporto spazio-tempo. Di qui la storia della bicicletta e quella della moto, con esemplari d’epoca in mostra, la storia dell’automobile e della motonautica fino al dettaglio dei record conseguiti dall’aviazione o dalle imprese dell’uomo nello spazio. Infine gli approfondimenti che riguardano la velocità della comunicazione ottica (vedi il record straordinario della University College London: 1125 terabit al secondo) e la misteriosa attitudine del cervello a organizzare nella sua parte plastica i dati dell’esperienza.

Varie sezioni sono dedicate naturalmente alle vicende sportive con il racconto dei record più eclatanti, compresi quelli riferiti alla velocità dei palloni da calcio e di pallavolo o delle palline da tennis e da golf, queste ultime capaci toccare i 328 km/h! Ampio spazio viene riservato alle imprese storiche degli sportivi mantovani. Così in atletica, dove balzano in copertina Mario Colarossi, Gianni Ronconi, Diego Marani, Fausto Desalu, Simona Parmiggiani, Luigi Rossini, Gianni Truschi e Najibe Salami, o nel ciclismo dove accanto a Francesco Verri e Learco Guerra brillano Gaioni e Tasselli, Bergamaschi e Campana, Roncaglia e Mantovani, Baronchelli e Bosisio, Gialdini e Meneghelli fino a Buttarelli, Moreni, Bianchini e, recentissimo, Edoardo Affini. La storia dell’automobilismo mantovano non può prescindere dal mito di Tazio Nuvolari ma emoziona il racconto delle imprese pionieristiche di Cesare Pastore e Vincenzo Coffani, di Giuseppe Morandi, di Marino Marini, Paolo Petrobelli e Franco Marenghi sino all’irruzione sulla scena dell’estemporaneo Luigi Malanca. Analoga l’epopea del motociclismo, che ha visto Guido Leoni fare da apripista a Ivan Goi e Lucio Pedercini, o quella della motonautica che ha consegnato l’iride a Carlo Petrobelli e Gino Zavanella.

Quelle del nostro lago sono state a più riprese “acque azzurre” per lo sport mantovano. Trovano spazio in mostra Sonia Truzzi, Viviana Vecchi e Adolfo Bollini per lo sci nautico, Francesco Bonezzi, Giacomo Bottoli, Francesca Pavesi, Vittoria, Giulia e Francesca Masotto per la vela, fino ai canoisti olimpici Renato Ongari e Alberta Zanardi, a Matteo Florio e Serena Pontara, ai canottieri Marco Penna e Marco Gola, Alberto Mondini e Franco Grandis. Nel nuoto, poi, l’ondata di Gino Baraldi e Iris Corniani, Cristina Sossi e Francesca Ferrarini fino ad Alessandra Cappa e agli exploit di Nicoletta Ruberti. Gli sport con la palla hanno esaltato la velocità di esecuzione di Roberto Boninsegna nel calcio, di Marco Negri e Andrea Anastasi nella pallavolo e del mitico Marino “Mara” Marzocchi nel tamburello. E a chiudere due personaggi altrettanto mitici: l’eclettico Onorio Marocchi, campione del mondo nel bob, e la “frusta d’oro” Mario Manfredi, che sul sulky ha lasciato un segno indelebile nella storia del trotto.

Accanto all’ideatore Giampaolo Benedini e al curatore Adalberto Scemma ha collaborato alla realizzazione della mostra uno staff di esperti di prim’ordine: Fabrizio Bovi, Alberto Capilupi, Giancarlo Malacarne, Giancarlo Pascal, Giovanni Pasetti, Cesare Ponchiroli, Tiziano Prati, Claudio Rossi e Marco Tonelli. Il progetto di allestimento è stato curato da Matteo Corsini.
La mostra è sostenuta da Fondazione Bam, Banca Monte dei Paschi di Siena e Lubiam.

---

dal 1° giugno al 28 luglio 2019, dal martedì alla domenica ore 14.30 - 18.30
Velocità: dai cavalli dei Gonzaga alle navicelle spaziali
una mostra di Mantova Creativa con la collaborazione di Scuderia Tazio Nuvolari e il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova
Appartamento della Rustica, ingresso dal Giardino dei Semplici
Per informazioni
Mantova Creativa
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel: 392 1866117

Leggi tutto...
29/05/19

Al via Trame Sonore Edizione 2019

A partire da mercoledì 29 maggio fino a domenica 2 giugno si svolgeranno all'interno delle magnifiche sale di Palazzo Ducale i concerti della manifestazione "Trame Sonore" edizione 2019, a cura della Mantova Chamber in collaborazione con il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova e col supporto di Mantova Città d'Arte e Cultura.

Per visionare il programma di tutti i concerti:
http://www.mantovachamber.com/#programma-2019

Ricordiamo ai gentili visitatori che nei giorni della manifestazione il biglietto d'ingresso al Museo subirà una maggiorazione di € 3,00 che consentirà di partecipare a tutti i concerti pomeridiani, con l'esclusione dei soli concerti serali durante gli orari di chiusura del museo.

SalaSpecchi Ducale StefanoBottesi

CI VEDIAMO LI big

Leggi tutto...
28/05/19

Sculture in piazza 2019

Con la nuova edizione di “Scultura in Piazza”, progetto che porta l’arte contemporanea in Piazza Castello, nel cuore della città di Mantova, si rinnova la collaborazione tra il Complesso Museale di Palazzo Ducale, Mantova Creativa e Lubiam, in qualità di Main Sponsor. La kermesse vede artisti internazionali realizzare grandi opere dialogando con le sollecitazioni ambientali del contesto storico della piazza. Il 2016, anno inaugurale del progetto, aveva visto protagonista lo scultore giapponese Hidetoshi Nagasawa con Vortici, ultima grande opera realizzata dal maestro, recentemente scomparso. Dopo la seconda edizione del 2017, integralmente curata dalla direzione di Palazzo Ducale, nel 2018 è stata la volta dell’artista trentino Eduard Habicher, che con Guscio ha striato di un rosso vermiglio lo spazio dell’esedra di Piazza Castello. Entrambe le opere sono ora in esposizione permanente nello spazio verde della sede mantovana di Lubiam. L’edizione 2019, curata come sempre dal critico e storico dell’arte Marco Tonelli, vede un cambio di registro iconico con L’artista invisibile, imponente scultura in resina e ferro realizzata a quattro mani dai fratelli campani Lucio e Peppe Perone.

La scultura viene inaugurata ufficialmente al pubblico Martedì 28 Maggio: alle 18.00 si tiene una presentazione presso l’Atrio degli Arcieri, dove interverranno, insieme agli artisti Lucio e Peppe Perone, il Direttore del Complesso Museale di Palazzo Ducale Peter Assmann, il curatore Marco Tonelli, Giampaolo Benedini in rappresentanza di Mantova Creativa e Giulia Bianchi di Lubiam. Con l’occasione verrà proiettato il suggestivo filmato dedicato al progetto, con la regia di Giorgio Oppici e contestualmente sarà presentato il catalogo dell’edizione precedente - Guscio di Eduard Habicher - con testi di Marco Tonelli, Peter Assmann, Renata Casarin, Alberto Fiz, fotografie di Davide Galli, per le Edizioni Tre Lune. Lo stesso Eduard Habicher parteciperà all’appuntamento, per il “passaggio di testimone” ai Fratelli Perone.

Successivamente, alle 18.45, ci si sposta in Piazza Castello per lo svelamento dell’opera.

928A5019 PO low

---

Complesso Museale Palazzo Ducale, Mantova
in collaborazione con LUBIAM e Mantova Creativa
SCULTURA IN PIAZZA 2019
L’ARTISTA INVISIBILE di Lucio e Peppe Perone

a cura di Marco Tonelli

Per informazioni:
Ufficio Comunicazione e Relazioni Esterne
Lubiam Moda Per l'uomo S.p.A.
Viale Fiume 55 46100 Mantova
Tel. 0376 309201 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto...

CercaInformazioni disabiliCalendarioBiglietti