Main menu

Eventi

24/01/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
25/01/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
26/01/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
27/01/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
29/01/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
30/01/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
31/01/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
01/02/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
02/02/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
03/02/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
05/02/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
06/02/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
07/02/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
08/02/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
09/02/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
10/02/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
12/02/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
13/02/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
14/02/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli
15/02/2019

Mantua Musarum Domus

Mantua Musarum Domus. Immagini della città dal XV al XVIII secolo, a cura di Michela Zurla, è il titolo della nuova esposizione allestita nella Cappella del Palazzo del Capitano, lungo il tradizionale percorso museale di Corte Vecchia. Si tratta di un'esposizione temporanea che mette in mostra una serie di vedute storiche della città per ripercorrere circa tre secoli di storia urbana mantovana.

La città cambia e si modifica negli occhi dell’incisore a seconda della funzione per la quale l’immagine è concepita: le mura si stringono o si allargano, si alzano come fortezze invalicabili o piegano dolcemente verso le acque, il Mincio abbraccia la città e la costruisce al pari degli edifici o ne isola i confini garantendone la difesa. Una visione dinamica in cui emergono riconoscibili i segni distintivi della fisionomia di Mantova, i campanili delle sue chiese, i prospetti di Palazzo Ducale e di altri edifici, i ponti che attraversano i laghi, il Rio, l’isola del Te, i borghi fortificati di Porto e San Giorgio.

Dettagli

CercaInformazioni disabiliCalendarioBiglietti