Il giornale di cantiere

Come molti mantovani hanno già avuto modo di notare, dal 2021 Palazzo Ducale di Mantova è interessato da un'ampia campagna di restauri. Per questo motivo abbiamo pensato di aprire una sezione del sito del museo che potesse essere un utile strumento per approfondire le attività in corso e seguirne gli sviluppi, segnalando ai visitatori eventuali parti del percorso chiuse o occupate dalle impalcature. Buona lettura!

Ecco l'elenco dei cantieri aperti dal 2021:

1. Corte Vecchia - Palazzo del Capitano (Salone dell’Armeria e piano nobile)
(fondi Piano Stralcio Cultura e Turismo - Intervento n. 18 "Opere di miglioramento sismico, restauro complessivo e valorizzazione per la completa fruizione del palazzo - Lotto 1 – Corte Vecchia, Palazzo del Capitano")
Inizio lavori: aprile 2023 - durata 24 mesi
Responsabile Unico del Procedimento: Arch. Antonio Giovanni Mazzeri
Ditte: Cooperativa Archeologia Società Cooperativa - Gemmo S.p.a., rif. Arch. Marco Gandolfo
Direzione Lavori: E. P. & S. S.C.A.R.L. - Consorzio Stabile - Archiloco Studio Associato - SI. ME. TE s.r.l. - Prodimi s.r.l. - EL s.r.l. Engineering Service, rif. Arch. Nicola Siniscalco / Ing. Stefano Dalmasso.
Direttore Operativo architettonico: Arch. Silvano Bandolin / Arch. Laura Porporato
Direttore Operativo per le strutture: Ing. Stefano Dalmasso
Direttore Operativo per gli interventi di restauro delle superfici: Dott.ssa Daniela Marzia Mazzaglia
Direttore Operativo per gli impianti meccanici: Ing. Stefano Bo
Direttore Operativo per gli impianti elettrici: Ing. Renzo Zorzi
Coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione: Geom. Antonio Fabbri

Il Salone dell’Armeria è una vasta sala rettangolare di circa 1.000 mq, situata al piano superiore del Palazzo del Capitano, illuminato da grandi bifore gotiche affacciate direttamente su Piazza Sordello. Qui molti storici ritengono che si sia tenuto nel 1459 il Concilio convocato da Papa Pio II che portò a Mantova numerosi sovrani d'Europa per organizzare una crociata contro gli Ottomani. Il salone fu poi destinato ad Armeria a partire dall’ultimo quarto del secolo XVI. Il progetto di restauro prevede la riqualificazione strutturale, il recupero funzionale e fruitivo di questa area.

Armeria 01 low

Armeria 02 low


2. Palazzo del Capitano - Piano Terra

(Legge 190/2021 - Rifunzionalizzazione spazi e servizi al pubblico)
Inizio lavori: giugno 2024 - durata 12 mesi
Responsabile Unico del Procedimento: Arch. Antonio Giovanni Mazzeri
Ditte: da definire
Direzione Lavori: in fase di affidamento
Coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione: da definire

Gli ambienti al piano terra del Palazzo del Capitano, già impegnati dal Museo del Risorgimento, poi, dal 2010 al 2011, dal Museo Tazio Nuvolari, sono stati in anni recenti impiegati per allestire mostre di arte contemporanea. Si prevede ora di realizzare proprio qui il nuovo ingresso del museo, dotando lo spazio di moderni servizi essenziali al pubblico: biglietteria, bookshop, guardaroba, servizi igienici e caffetteria. Inoltre in questo modo si consentirebbe di iniziare la visita dal corpo di fabbrica più antico del complesso palatino. Questo intervento è integrativo rispetto al più ampio progetto di restauro e riqualificazione del Palazzo del Capitano, Lotto 1 di cui sopra, sia nell’ottica del miglioramento antisismico sia nell’ambito di una completa revisione della fruizione del Palazzo.

Palazzo Capitano pterra 01 low

Palazzo Capitano pterra 02 low


3. Corte Nuova - Appartamento Grande di Castello (piano nobile e sottotetti)

(fondi Piano Stralcio Cultura e Turismo - Intervento n. 18 “Opere di miglioramento sismico, restauro complessivo e valorizzazione per la completa fruizione del palazzo - Lotto 2 – Corte Nuova, Appartamento Grande di Castello")
Inizio lavori: aprile 2023 - durata 24 mesi
Responsabile unico del procedimento: Arch. Antonio Giovanni Mazzeri
Ditte: Fratelli Navarra s.r.l. - Gruppo ECF S.p.a., rif. Ing. Silvio Songini
Direzione Lavori: Arch. Antonella Flammini (Alcotec Spa)
Direttore Operativo architettonico: Arch. Antonio Pezzopane
Direttore Operativo per gli interventi di restauro delle superfici: Dott.ssa Daniela Marzia Mazzaglia
Coordinamento della Sicurezza in fase di Esecuzione: Geom. Antonio Fabbri

L’appartamento “Grande di Castello” costruito dall’architetto Giovanni Battista Bertani per il duca Guglielmo, coincide con il volume che emerge a sinistra del Castello, venendo dal ponte di San Giorgio. L’intervento strutturale ha lo scopo principale di migliorare il comportamento sismico dei corpi di fabbrica che formano la “Corte Nuova” ed includono le Sale di Manto, dei Capitani, dei Duchi e dei Marchesi, la cosiddetta Loggia del Tasso e l’Appartamento delle Balie.

AGGIORNAMENTO MARZO 2024: nella prima metà della Sala di Manto procedono le operazioni di messa in sicurezza dei rosoni centrali del soffitto ligneo a cassettoni con l’individuazione dei distacchi sugli stucchi delle cornici e conseguente consolidamento e riadesione. Si procede inoltre con la rimozione dei depositi sugli stucchi. Sono stati inoltre montati i ponteggi esterni per intervenire sulle coperture dell’appartamento Grande di Castello

AppartamentoGrandeDiCastello 01 low

AppartamentoGrandeDiCastello 02 low


4. Corte Nuova - Muro e Portico del Giardino dei Semplici

(fondi Piano Stralcio Cultura e Turismo - Intervento n. 18 “Opere di miglioramento sismico, restauro complessivo e valorizzazione per la completa fruizione del palazzo - Lotto 3 - Corte Nuova - Muro e portico del Giardino dei Semplici")
Inizio lavori: aprile 2023 - durata 12 mesi
Responsabile Unico del Procedimento: Arch. Antonio Giovanni Mazzeri
Ditte: Lares - Lavori di restauro s.r.l., rif. Ing. Andrea Tantaro
Direzione Lavori: Arch. Ing. Paolo Faccio
Direttore Operativo per gli interventi di restauro delle superfici: Dott.ssa Daniela Marzia Mazzaglia
Coordinamento della Sicurezza in fase di Esecuzione: Geom. Antonio Fabbri

Il Giardino dei Semplici, affacciato alla Domus Nova verso il Lago Inferiore, fu progettato nel 1603 su invito di Vincenzo I da Fra Zenobio Bocchi, collaboratore dell'orto botanico di Pisa. Fra Zenobio, seguendo una logica di geometrie e di sottili simbologie vi piantò i "semplici" ossia le piante medicinali da cui il giardino prende il nome. L'area del giardino è divisa in quattro grandi aiuole quadrate, delimitato verso il lago da un corridore. Il progetto prevede la riqualificazione del corridore del Giardino dei Semplici, realizzato da Antonio Maria Viani, che include il consolidamento strutturale, il restauro delle superfici e la riqualificazione funzionale ai fini della pubblica fruizione. Oltre al ripristino della percorribilità al primo livello, il progetto prevede di trasformare il Corridore in un elemento di collegamento tra lo spazio scoperto fronte lago del cosiddetto Cortile delle Scuderie, attualmente area parcheggio, e la Palazzina della Rustica, attraverso un collegamento alle diverse quote mediante un corpo scala in acciaio e un elevatore, con l'obiettivo di raggiungere una piena accessibilità.

AGGIORNAMENTO MARZO 2024: è in corso l’intervento di rifacimento della copertura del corridore, mentre è stato eseguito il descialbo delle tracce di affresco all'interno del corridore e il consolidamento degli intonaci, l'intervento è stato completato con un trattamento biocida e con la rimozione dei depositi.

Corridore Giardino dei Semplici 02

Corridore Giardino dei Semplici 01


5. Corte Nuova - Corridore della Rustica e Cavallerizza

(fondi Piano Stralcio Cultura e Turismo - Intervento n. 18 “Opere di miglioramento sismico, restauro complessivo e valorizzazione per la completa fruizione del palazzo - Lotto 4 - Corte Nuova - Corridore della Rustica e Cavallerizza)
Inizio lavori marzo 2023 - fine lavori prevista febbraio 2024
Responsabile unico del procedimento: Arch. Antonio Giovanni Mazzeri
Ditte: BRC S.p.a., rif. Ing. Federico Romis
Direzione Lavori: Arch. Daniela Lattanzi (Segretariato Regionale per la Lombardia)
Direttore Operativo per gli interventi di restauro delle superfici: Dott.ssa Daniela Marzia Mazzaglia
Coordinamento della Sicurezza in fase di Esecuzione: Geom. Antonio Fabbri

L’appartamento della Rustica nacque negli anni 1537-1538 per volere del duca Federico II; il pittore e architetto Giulio Romano ne concretizzò il progetto. Concepito originariamente come un edificio isolato, disposto ortogonalmente rispetto alla sponda del lago, è caratterizzato dalla presenza del bugnato e di colonne tortili che conferiscono un aspetto rustico e pittoresco. L’idea di creare un collegamento fra l’Appartamento di Troia e la Rustica doveva essersi già affermata in piena epoca giuliesca, nei primi decenni del XVI secolo, ma la realizzazione di uno spazio chiuso su quattro lati sarebbe stata ultimata solo con Giovanni Battista Bertani, l'architetto che succedette a Giulio Romano nel ruolo di prefetto delle fabbriche gonzaghesche. L’intervento di restauro del corridore che collega la Palazzina della Rustica con Corte Nuova rientra nell’ambito di un ampio finanziamento teso al recupero di ambienti e spazi attualmente non accessibili al pubblico.

AGGIORNAMENTO APRILE 2024 Lavori conclusi, inclusa la risemina del prato del Cortile e la sistemazione del verde. Inaugurazione 19 aprile 2024.

IMG 20231129 100925245 HDR low

Cavallerizza 02 low


6. Torre Ingresso e Scalone di Enea

(fondi Piano Stralcio Cultura e Turismo - Intervento n. 18 “Opere di miglioramento sismico, restauro complessivo e valorizzazione per la completa fruizione del palazzo - Lotto 5 - Castello - Torre d'ingresso e Scalone di Enea)
Inizio lavori: aprile 2023 - durata 24 mesi
Responsabile unico del procedimento: Arch. Antonio Giovanni Mazzeri
Ditte: Fratelli Navarra s.r.l. - Gruppo ECF S.p.a., rif. Ing. Silvio Songini
Direzione Lavori: Arch. Antonella Flammini (Alcotec Spa)
Direttore Operativo architettonico: Arch. Antonio Pezzopane
Direttore Operativo per gli interventi di restauro delle superfici: Dott.ssa Daniela Marzia Mazzaglia
Coordinamento della Sicurezza in fase di Esecuzione: Geom. Antonio Fabbri

Gli interventi previsti dal progetto sono localizzati negli ambienti al piano terreno del Castello di San Giorgio, esempio significativo di castello fortificato edificato alla fine del XIV secolo su progetto di Bartolino da Novara, composto da un corpo di fabbrica il cui perimetro è definito da quattro torri angolari e delimitato da un fossato. Lo scopo è quello di ridefinire l’ingresso al Castello delimitandone lo spazio rispetto all’esterno e riqualificare gli ambienti di servizio sia per il pubblico che per il personale, implementando gli spazi destinati ai servizi per migliorare la fruizione. Gli interventi sono stati concepiti per essere reversibili, poco invasivi e tali da consentire la lettura della stratificazione storica del monumento. Il progetto prevede il restauro delle murature (fessurazioni, distaccamenti, ecc.) e il rinforzo di alcuni elementi potenzialmente vulnerabili. Per lo scalone di Enea si prevede la sistemazione dell’intera copertura, mediante il consolidamento delle murature del sottotetto, con particolare attenzione delle opere di lattoneria che permetteranno di risolvere il problema delle infiltrazioni d'acqua attualmente presente.

Ingresso Museo 01


7. Torri Castello e Corpi di collegamento
(fondi ALES 2015 - Messa in sicurezza, miglioramento strutturale e restauro delle torri N-O, S-E, S-O del Castello di San Giorgio e ambienti di collegamento a seguito degli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 - Lotto 1)
Inizio lavori: luglio 2021 - fine lavori prevista primavera 2024
Responsabile unico del procedimento: Arch. Anna Maria Basso Bert
Ditte: Leoni Costruzioni s.r.l. - Panizza 1914 s.r.l., rif. Ing. Armando Leoni - Rag. Nicola Panizza
Direzione Lavori: Arch. Antonio Giovanni Mazzeri
Direttore Operativo per le strutture: Arch. Ing. Paolo Faccio
Coordinamento della Sicurezza in fase di Esecuzione: Ing. Marco Spezia

L’intervento riguarda la messa in sicurezza, il miglioramento strutturale e restauro delle torri Nord-Ovest, Sud Est, Sud-Ovest e dei corpi di collegamento delle torri del Castello di San Giorgio a Mantova. A seguito degli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, che hanno significativamente colpito il complesso architettonico, è emersa una generale vulnerabilità delle strutture edilizie, degli apparati decorativi e degli ambienti che lo compongono, a causa di interventi manutentivi sporadici e non coordinati. Questo progetto prevede la messa in sicurezza di alcuni danneggiamenti, probabilmente insistenti su situazioni pregresse, e il miglioramento sismico delle torri e dei loro corpi di collegamento.

AGGIORNAMENTO MARZO 2024: lavori sono in corso di ultimazione, si sono conclusi gli interventi di manutenzione di tutte le coperture di tutti i corpi di collegamento, delle avantorri e delle tre torri. Inoltre si sta lavorando per creare una nuova accessibilità alla torre S-O.

In questo cantiere è stata posta particolare attenzione al tema della salvaguardia della biodiversità urbana, con particolare riferimento alla tutela delle diverse specie di rondoni nidificanti all’interno dei tetti. Dal 2015 infatti il Castello di San Giorgio è stato attestato come “Monumento vivo”, con almeno cinque specie di uccelli nidificanti e un’importante colonia di pipistrelli miniotteri. Gli interventi eseguiti hanno previsto la messa in opera di particolari accorgimenti per l'occlusione selettiva di alcune buche pontaie e per il fissaggio dei coppi e delle lattonerie sui tetti, tali da escludere l’accesso ai colombi e garantire al tempo stesso quello delle piccole specie in pericolo di estinzione.

Torri Castello 01

Torri Castello 02


8. Casino delle Guardie Nobili - Piano Terra
(fondi legge 190 2017/2018 Piano Terra: Accademia delle arti per tutti)
Inizio lavori: giugno 2021 - fine lavori prevista primavera 2024
Responsabile unico del procedimento: Arch. Antonio Giovanni Mazzeri
Ditte: Idria di Ing. Renato Ciullo - Artedile s.r.l., rif. Ing. Renato Ciullo
Direzione Lavori: Arch. Antonio Giovanni Mazzeri
Coordinamento della Sicurezza in fase di Esecuzione: Polaris, Ing. Marco Spezia

Il Casino delle Guardie Nobili è il corpo architettonico posto nella porzione meridionale di Piazza Castello, frontalmente all’esedra dove attualmente insiste l'ingresso al percorso museale. Nato come "Stalla del Prato di Castello" all’epoca di Ludovico Gonzaga (fine XV sec.), nell’ultimo quarto del secolo XVI il corpo architettonico fu convertito ad architettura civile nell’ambito della ‘riforma’ dell'area, quando la piazza assunse l'attuale configurazione con gli spazi porticati. Nel secolo XVIII il corpo architettonico accolse la servitù e il corpo di guardia della corte – uso dal quale derivò il nome di Casino delle Guardie Nobili - per poi essere nel secolo successivo destinato al Corpo di Guardia Municipale e durante il secolo XX, in occasione della grande campagna di restauri del Palazzo, ad accogliere le botteghe e i laboratori di artigiani e artisti. Attualmente non utilizzato, grazie a questo intervento torneranno ad essere fruibili un’estensione di 1.600 mq, distribuiti al piano terra (mq 770) e al piano primo (mq 830).

AGGIORNAMENTO MARZO 2024: è incorso di ultimazione la ristrutturazione del piano terra, con il completamento delle rifiniture.

CasinoGuardieNobili 01


9. Casino delle Guardie Nobili - Piano Primo

(fondi PNRR - Piano Primo: Museo di Arte Moderna)
Inizio lavori presunto: gennaio 2024 - durata 15 mesi
Responsabile unico del procedimento: Arch. Antonio Giovanni Mazzeri
Ditte: da definire
Direzione Lavori: Arch. Mariangela Gavioli
Direttore Operativo per le strutture: POLARIS - Ing. Marco Spezia
Direttore Operativo per gli interventi di restauro delle superfici: Dott.ssa Daniela Marzia Mazzaglia
Coordinamento della Sicurezza in fase di Esecuzione: POLARIS - Ing. Marco Spezia

Il Museo di Palazzo Ducale di Mantova e il Comune di Mantova hanno stipulato una convenzione per la realizzazione del primo Museo d’arte moderna della città, con particolare attenzione agli artisti locali. È ora in corso la fase di selezione scientifica delle opere acquisite dal Palazzo Ducale nei secoli XIX e XX, nonché XXI.

AGGIORNAMENTO MARZO 2024: sono stati eseguiti dei lavori preparatori al cantiere, quali il descialbo e messa in sicurezza degli affreschi scoperti al 1° piano dell’edificio; inoltre si è proceduto al consolidamneto del solaio.

CasinoGuardieNobili 02


10. Voltone e Piazza Castello
(fondi legge 190-2020 Restauro facciate)
Inizio lavori: aprile 2024 - durata 12 mesi
Responsabile unico del procedimento: Dott.ssa Daniela Marzia Mazzaglia
Ditte: da definire
Direzione Lavori: Arch. Monica Nascig
Direttore Operativo per gli interventi di restauro delle superfici: Dott.ssa Daniela Marzia Mazzaglia
Coordinamento per la Sicurezza in fase di Esecuzione: Geom. Antonio Fabbri

Intervento di consolidamento, pulitura e restauro del Voltone D'Annunzio nei fronti su piazza Castello, interni e d’ingresso sulla piazza.

Ingresso Museo 02


11. Cortile Otto Facce
(fondi legge 190 - 2021/2023 Restauro facciate)
Inizio lavori presunto: aprile 2025 - durata 12 mesi
Responsabile unico del procedimento: Arch. Antonio Giovanni Mazzeri
Ditte: da definire
Direzione Lavori: da definire
Coordinamento per la Sicurezza in fase di Esecuzione: da definire

Il presente intervento riguarda il restauro e il recupero funzionale del cinquecentesco Cortile delle Otto Facce, realizzato per il duca Guglielmo Gonzaga dall’architetto casalese Bernardino Facciotto, intorno al 1585. Lo stato di degrado del Cortile, oggi escluso dal percorso di visita ma visibile dal alcuni affacci lungo l'itinerario museale, necessita un intervento conservativo, specialmente nella parte inferiore, recante intonaci e stucchi, mentre gli affreschi della parte superiore sono già quasi completamente perduti. L’intervento include anche le pavimentazioni dei locali di passaggio, una messa in sicurezza degli intonaci negli stessi e l’impiantistica connessa.

Cortine Otto Facce 01

Cortine Otto Facce 02


12. Cortile dei cani e retro abside di Santa Barbara
(fondi legge 190 - 2019 Consolidamento strutturale e restauro)
Inizio lavori: aprile 2024 - durata 12 mesi
Responsabile unico del procedimento: Arch. Antonio Giovanni Mazzeri
Ditte: da definire
Direzione Lavori: Arch. Vittorio Longheu
Coordinamento per la Sicurezza in fase di Esecuzione: Arch. Giorgio Campedelli

Il cortile dei Cani, denominato fino al 1714 "dei Giarelli", ospita uno dei giardini pensili di Palazzo Ducale. Di pianta grossomodo quadrata, il cortile occupa una superficie di circa 140 mq e si trova in Corte Nuova. Originariamente progettato in occasione della costruzione dell’appartamento di Troia (tra il 1531 e il 1539), fu concepito come belvedere pensile aperto verso il lago da Giulio Romano. In seguito fu trasformato in cortile chiuso con le successive aggiunte architettoniche operate da Giovanni Battista Bertani sotto il ducato di Guglielmo Gonzaga, alla fine del del XVI secolo. Allo stesso Bertani spetterebbe la collocazione della lapide commemorativa della cagnolina Oriana, di epoca giuliesca, sotto la seconda finestra inferiore del lato orientale, da cui presumibilmente tra origine il nome di "Cortile dei Cani”. Il progetto prevede un intervento di carattere strutturale che include il consolidamento del solaio, il ripristino del sistema di smaltimento delle acque meteoriche e il restauro dei fronti. Inoltre è prevista la realizzazione della nuova scala d’emergenza in sostituzione dell’esistente nel cortile retrostante l’abside della basilica di Santa Barbara.

Cortile dei Cani 01


13. Progetto speciale sicurezza

(fondi legge 190 - 2016 Progetto speciale sicurezza)
Inizio lavori: dicembre 2021 - fine lavori prevista primavera 2024
Responsabile unico del procedimento: Ing. Fabrizio D'Amato
Ditte: AR.CO. Lavori SCC - ENPOWER s.r.l.
Direzione Lavori: Ing. Danilo Serafino
Coordinamento per la Sicurezza in fase di Esecuzione: Ing. Danilo Serafino

L'intervento prevede l'adeguamento e l'implementazione di un nuovo sistema di sicurezza del complesso museale di Palazzo Ducale di Mantova. Verrà eseguito il rinnovamento dei sistemi di videosorveglianza e antintrusione agli standard attuali. Il progetto prevede anche la realizzazione di una piattaforma di supervisione unica e completa per la gestione degli impianti di sicurezza, di una nuova control room tecnologicamente avanzata e di una nuova sala apparati ISS (Integrated Security System). L'ampliamento e l'adeguamento tecnologico degli apparati dell'infrastruttura permetterà di estendere i locali controllati migliorando i livelli di sicurezza generali del sito museale.

AGGIORNAMENTO MARZO 2024: lavori in fase conclusiva, terminato il cablaggio e il posizionamento dei devices nelle sale di tutto il complesso, in corso la configurazione del sistema unico di coordinamento dei vari sottosistemi.

24


14. Galleria dei Mesi – estradosso della volta

lavori conclusi marzo 2023
Responsabile Unico del Procedimento: Arch. Antonio Giovanni Mazzeri
Ditta: Lares Restauri - rif. Ing. Andrea Tantaro
Direzione Lavori: Arch. Elena Fontana
Direttore Operativo per le strutture: Ing. Giovanni Gualerzi
Coordinamento per la Sicurezza in fase di Esecuzione: Ing. Eugenio Oliva

L’ambiente, che prende il nome dalle figure in stucco che sorreggono i segni zodiacali, venne progettato inizialmente come loggia aperta e decorato, nella parte settentrionale, da Giulio Romano in concomitanza con la realizzazione per il duca Federico II dell’adiacente appartamento di Troia. Nel 1572 la Galleria venne ampliata e chiusa da Giovan Battista Bertani, architetto di corte del duca Guglielmo, per ospitarvi le sculture acquistate a Roma e per questo prende anche il nome di Galleria dei Marmi. L’appalto ha per oggetto l’affidamento di lavori di consolidamento strutturale dell’estradosso della volta e prevede il ripristino ed il consolidamento delle strutture mediante l’inserimento di presidi metallici all’interno degli ambienti di sottotetto, la riparazione delle lesioni e la rimozione di macerie.

Estradosso mesi 01

Estradosso mesi 02


15. Galleria dei Mesi – intradosso della volta

lavori conclusi marzo 2023
Responsabile Unico del Procedimento: Dott. Stefano L'Occaso
Ditta: Lithos Restauri
Direzione Lavori: Dott.ssa Daniela Marzia Mazzaglia
Coordinamento per la Sicurezza in fase di Esecuzione: Ing. Eugenio Oliva

L’appalto ha per oggetto l’affidamento di lavori di restauro di affreschi e stucchi nell’intradosso della volta della Galleria dei Mesi, in Corte Nuova, effettuato in relazione al suo miglioramento sismico.

Mesi 01


16. Ex Carceri Martiri di Belfiore - Castello di S. Giorgio
(fondi ALES 2015 Messa in sicurezza, miglioramento strutturale e restauro delle torri N-O, S-E, S-O del Castello di San Giorgio e ambienti di collegamento a seguito degli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 - Lotto 2)
Inizio lavori: da definire
Responsabile unico del procedimento.: Arch. Anna Maria Basso Bert
Direzione Lavori: Dott.ssa Daniela Marzia Mazzaglia
Coordinatore per la Sicurezza in fase di Progettazione: Geom. Maria Rita Stancari

AGGIORNAMENTO MARZO 2024: Partite le operazioni di acquisizione della documentazione e il montaggio dei ponteggi.

Carceri 01 new

17. Appartamento della Rustica, Sala della Mostra – Interventi di manutenzione di consolidamento e stuccatura delle soluzioni di continuità

Finanziamento ex cap. 2.1.2.020 e.f. 2023
Inizio lavori: dicembre 2023 – fine lavori maggio 2024

Ditta: Carena Alberta e Ragazzoni Alessandra S.n.c RUP dott. Stefano L’Occaso

Direzione lavori: dott.ssa Daniela Marzia Mazzaglia

AGGIORNAMENTO MARZO 2024: in corso operazioni consolidamento e riadesioni

IMG 20240325 WA0014

 

 

Palazzo Ducale base 48 2020 Legenda low new new

LEGENDA:
1. Corte Vecchia - Palazzo del Capitano (Salone dell’Armeria e piano nobile)
2. Palazzo del Capitano - Piano Terra
3. Corte Nuova - Appartamento Grande di Castello (piano nobile e sottotetti)
4. Corte Nuova - Muro e Portico del Giardino dei Semplici
5. Corte Nuova - Corridore della Rustica e Cavallerizza
6. Torre Ingresso e Scalone di Enea
7. Torri Castello e Corpi di collegamento
8. Casino delle Guardie Nobili - Piano Terra
9. Casino delle Guardie Nobili - Piano Primo
10. Voltone e Piazza Castello
11. Cortile Otto Facce
12. Cortile dei cani e retro abside di Santa Barbara
13. Progetto speciale sicurezza
14. Galleria dei Mesi – estradosso della volta
15. Galleria dei Mesi – intradosso della volta
16. Ex Carceri Martiri di Belfiore - Castello di S. Giorgio
17. Facciata Giardino Pensile
18. Rustica piano terra
19. Camerini neoclassici

Pin It

CercaInformazioni disabiliCalendarioBiglietti