Giorno precedente Venerdì, Maggio 06, 2022 Giorno successivo
06/05/2022

Michelangelo: i bronzi della Passione

Michelangelo Buonarroti è semplicemente il “divino” Michelangelo, l’archetipo degli artisti di tutti i tempi. Grande fu la sua fama, anche in vita: nonostante la sua attività si sia concentrata su Roma e Firenze, anche la Mantova dei Gonzaga dovette fare i conti con l’ineludibile influenza di quel gigante. Il 22 febbraio del 1527 Federico II scriveva di essere da “molt’anni (…) amatore dello excellentissimo messer Michele Angelo” e – in un significativo ribaltamento di ruoli – senza paura di mostrarsi supplice chiedeva di ottenere una sua opera. Non importava quale fosse, ne bastava una qualsiasi.

L’esposizione “Michelangelo: i bronzi della Passione” di Palazzo Ducale di Mantova – aperta dal 18 marzo fino al 15 giugno 2022 – vuole puntare l’attenzione su un episodio poco noto della vita del grande artista. Si tratta del progetto di un “Calvario”, ovvero la rappresentazione di Cristo sul Golgota assieme ai due ladroni; il termine deriva dal nome latino della collina appena fuori dalle mura di Gerusalemme, ossia il luogo sul quale si svolse la crocifissione. Di questo progetto abbiamo testimonianza dell’esistenza di modelli di studio – in cera o terracotta – transitati a Mantova nel 1582, come attesta una scritta riportata su due disegni conservati uno a Budapest (Szépművészeti Múzeum) e l’altro già nella Rugby School Art Museum (e poi in asta a Londra, presso Christie’s).

Dettagli
06/05/2022

Naturalia e Mirabilia

Dal 9 aprile riapre al pubblico la Galleria delle Metamorfosi con collezione e allestimento inediti a rievocare la Wunderkammer gonzaghesca. “Naturalia e Mirabilia. Scienze alla corte dei Gonzaga” non è una "semplice" mostra ma una serie di rilevanti novità che consentiranno al pubblico di apprezzare ulteriormente la già ricca offerta culturale del museo.

La Galleria delle Metamorfosi situata nei pressi del Giardino dei Semplici è una serie di splendidi ambienti decorati che, chiusi al pubblico dal 2012, saranno ora nuovamente accessibili con il normale biglietto della reggia. Gli ambienti ospiteranno una collezione tutta nuova – acquistata a più riprese a partire dalla fine del 2020 – che mira a rievocare la celebre Wunderkammer (“camera delle meraviglie”) dei Gonzaga. I curiosi e stupefacenti pezzi – completati da un importante prestito dal Museo Kosmos di Pavia – sono esposti al pubblico attraverso un nuovo allestimento appositamente progettato con l’intento di fondere opere e ambienti in una sintesi inedita.

Dettagli

CercaInformazioni disabiliCalendarioBiglietti