Main menu

RIAPRONO AL PUBBLICO LE CARCERI DEI MARTIRI DI BELFIORE

Saltuariamente aperte durante occasioni speciali e ricorrenze, le Carceri dei Martiri di Belfiore al Castello di San Giorgio saranno visitabili ogni venerdì a partire dall'8 novembre su prenotazione. I gruppi, in partenza alle ore 11 dall'ingresso del Castello, verranno accompagnati e potranno fruire del nuovo allestimento realizzato da Palazzo Ducale in collaborazione con l'Istituto Mantovano di Storia Contemporanea.

Dopo il Congresso di Vienna del 1815, si ripristina la situazione politica europea prima della turbolenta parentesi napoleonica. L'impero asburgico torna a governare sulle aree del Lombardo-Veneto e fa di Mantova una piazzaforte militare di importanza strategica. Il tardo-trecentesco Castello di San Giorgio, integrato al complesso mantovano di Palazzo Ducale, viene adibito a carcere di massima sicurezza, come già era accaduto all'epoca dei Gonzaga: al secondo piano della fortezza vengono reclusi, a partire dagli anni Trenta dell'Ottocento, numerosi dissidenti e cospiratori politici, prima di essere impiccati o fucilati. L'esecuzione di nove persone nella valletta di Belfiore appena fuori Mantova, fra il dicembre del 1852 e il marzo del 1853, rappresenta uno degli episodi più drammatici della repressione asburgica messa in atto dal feldmaresciallo Josef Radetzky. Don Enrico Tazzoli, Carlo Poma, Angelo Scarsellini, Bernardo de Canal, Giovanni Zambelli, Tito Speri, don Bartolomeo Grazioli, Carlo Montanari e Pietro Frattini diverranno noti come i "martiri di Belfiore", condannati a morte per il loro "congiurare contro l'oppressione austriaca", citando la lapide commemorativa posta in città sopra l'androne di via Giovanni Chiassi al civico 10. Ad essi si aggiungono anche don Giovanni Grioli, che fu fucilato il 5 novembre 1851 e il veneto Pier Fortunato Calvi la cui sentenza fu eseguita il 4 luglio 1855 nella zona extraurbana di Lunetta, non lontano dalla rocchetta di Sparafucile.

Questi luoghi – ancora densi di memoria – sono rimasti nell'immaginario collettivo come simboli vivi della lotta risorgimentale italiana. Il nuovo allestimento didattico offre così l’occasione di approfondire la conoscenza di una pagina importante della storia mantovana e al contempo di scoprire una parte poco conosciuta della grande complesso gonzaghesco.

Visite ogni venerdì alle ore 11 con ritrovo in piazza Castello (adiacenze esedra d'ingresso) a partire dall'8 novembre 2019. Per prenotazioni tel. 0376-352145 o email (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), biglietto € 5,00.

 

---

 

Inaugurazione sabato 26 ottobre 2019, ore 11
LE CARCERI DEI MARTIRI DI BELFIORE
un nuovo allestimento didattico
un progetto di Palazzo Ducale a cura dell'Istituto Mantovano di Storia Contemporanea
con la collaborazione di
Alice Festa, Verena Frignani, Stefano L'Occaso, Daniela Marzia Mazzaglia, Elena Montanari

Museo Archeologico Nazionale, Secondo piano, Complesso Museale Palazzo Ducale
visite guidate a partire dalle ore 12 a piccoli gruppi
E' gradita la prenotazione

Visite a partire dall'8 novembre 2019 ogni venerdi mattina alle ore 11 previa prenotazione
tel. 0376-352145
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
gruppi di max 20 persone, biglietto € 5,00

Locandina Carceri 01

Pin It

Con il patrocinio di

Partner

Con il prezioso supporto di

Sponsor tecnici

Sponsor

Con il contributo di

CercaInformazioni disabiliCalendarioBiglietti