Main menu
15/12/2017

COSTRUIRE, ABITARE, PENSARE. SABBIONETA E CHARLEVILLE CITTÀ IDEALI DEI GONZAGA

Accanto alla Città ideale saranno poi presenti altri dipinti di particolare pregio, quali il Ritratto di Vespasiano Gonzaga di Como o il Ritratto di Giulia Gonzaga proveniente dalla Galleria Palatina di Firenze. Ma saranno in mostra anche opere provenienti dal Kunsthistorisches Museum di Vienna, dalla Biblioteca Nazionale di Napoli e da numerose altre raccolte pubbliche e private. Tra i progetti innovativi della mostra, oltre ad una significativa campagna di analisi diagnostiche non invasive su alcune opere d’arte, verranno parzialmente ricostruite la Grotta e lo Studiolo di Isabella d’Este com’erano al tempo dei Gonzaga Nevers: sulla base di una replica realizzata nel 1911 (le strutture originali sono tuttora nel Palazzo Ducale, in Corte Vecchia), saranno inserite le lesene e i fregi dorati voluti da Carlo I Gonzaga Nevers, e i dipinti seicenteschi ancor oggi conservati nella pinacoteca del museo.

L’esposizione approfondirà il tema delle città ideali declinato secondo la committenza voluta da una delle principali casate del panorama europeo al volgere del secolo XVI, i Gonzaga. Saranno rappresentate le due città ideali di fondazione gonzaghesca, Sabbioneta (Vespasiano Gonzaga) e Charleville (Carlo I Gonzaga), realizzate a cinquant’anni l’una dall’altra, cercando i punti di contatto fra loro e con Mantova.

 

Un primo nucleo dell’esposizione indagherà con adeguate metodologie il concetto della città ideale, dell’utopia, attraverso fonti a stampa, rappresentazioni cartografiche e dipinti nei quali si specchiano le aspirazioni di Vespasiano Gonzaga e Carlo I Gonzaga Nevers, fondatori delle “città ideali” di Sabbioneta in Italia e di Charleville in Francia.

Due sezioni distinte saranno dedicate, in maniera specifica, ai centri urbani qui considerati, mettendo a confronto opere d’arte (dipinti, statue, libri, oggetti) con i modelli delle città stesse (alcuni realizzati dal Politecnico di Milano con la stampa in 3D e altri storici) in maniera da interpretare la figura e il pensiero del fondatore.

Un’ultima sezione illustrerà lo stato attuale delle due città prese d’esempio nelle sezioni precedenti, poste poi a confronto con le città ideali della nostra contemporaneità. Sarà inoltre predisposta una postazione didattica, con la quale rendere accessibile ai più piccoli il tema della città ideale.

 

Orari e biglietteria:

dal martedì alla domenica dalle 8.15 alle 19.15 (ultimo ingresso ore 18.30)

ingresso con biglietto del Castello di San Giorgio € 12

CercaInformazioni disabiliCalendarioBiglietti