Main menu

Mostre

25/05/2018

RIFLEXIONE Heinz Lechner / Anna Di Prospero

RIFLEXIONE

Heinz Lechner / Anna Di Prospero

Mostra a cura di Peter Assmann e Renata Casarin

in collaborazione con Art Verona Level0

 

Inaugurazione: 25 maggio ore 18.00

 

Heinz Lechner e Anna Di Prospero, due fotografi appartenenti a generazioni e nazionalità diverse, condividono nel loro lavoro l’interesse per l’architettura quasi intesa come corpo vivente, capace di riflettere la concezione del tempo e dello spazio dell’epoca che l’hanno generata. Heinz Lechner vede la realtà con una lente d’ingrandimento quasi concettualmente omologa a quella dell’obiettivo con cui mette a fuoco o sfuoca ambienti, elementi di arredo, verdi paesaggi urbani. Ne risulta una restituzione silente e immota dell’habitat umano, di cui intende catturarne la bellezza. L’artista impiega spesso gli specchi per ottenere un effetto di straniamento funzionale a inquadrare, in una apparente contraddizione, elementi dell’habitat quotidiano. Anna Di Prospero utilizza la propria persona per porsi in relazione con le icone architettoniche contemporanee o con un lavoro site specific è essa stessa misura di alcuni luoghi simbolo del Palazzo Ducale. L’attitudine alla “riflexione si manifesta nelle sue opere in quella sospensione e insieme attesa che creano un alone di mistero e di malinconia che il riguardante coglie egli stesso sorpreso ad ogni sguardo. Il suo lavoro si è concentrato anche sul tema degli affetti, dando origine a una serie di immagini divenute esse stesse icone di uno stato intimo che appartiene a tutti noi.

 

 

 

Mostra a cura di Peter Assmann e Renata Casarin in collaborazione con Art Verona Level0

Inaugurazione: 25 maggio ore 18.00

Apertura mostra: 26 maggio – 15 luglio 2018

Orari di apertura: da martedì a domenica, 14.00 – 19.00

Accesso: da martedì a sabato ingresso libero, domenica e festivi ingresso con biglietto del Museo di Palazzo Ducale

Dettagli
25/05/2018

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte Michelangelo Pistoletto

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte

Michelangelo Pistoletto

 

Mantova, Palazzo Ducale, Appartamento della Rustica, Cortile della Cavallerizza

23 marzo – 12 giugno 2018

 

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte è il titolo della mostra di Michelangelo Pistoletto allestita nell’Appartamento della Rustica e nel Cortile della Cavallerizza, presso il Palazzo Ducale di Mantova. La mostra, frutto di una collaborazione tra il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e Moz-Art (Arte Contemporanea), con la curatela critica di Peter Assmann, Fortunato D’Amico, Sergio Pajola e con i contributi di Renata Casarin, Marco Farano, Gianfranco Ferlisi, Antonio Mazzeri, Paolo Naldini e Giuliano Vallani ripercorre, a ritroso, il percorso estetico del più rappresentativo artista contemporaneo italiano nel mondo.

 Un’esperienza unica, quella di Michelangelo Pistoletto, sempre più orientata a unire l’operatività espressiva ad una militanza propositiva  in tutti quegli ambienti rappresentativi delle istanze dei cittadini interessati alla trasformazione sociale ed ambientale. Insieme a loro per studiare e realizzare progetti che stimolano la partecipazione degli individui alle azioni di cambiamento e di rigenerazione del territorio.

Le installazioni, nel contesto della rassegna, seguono una logica narrativa che esorta alla comprensione di una ricerca artistica sviluppata in oltre 60 anni di attività, e che a partire dai primi autoritratti, passando per i quadri specchianti, trasferisce la riflessione da se stesso all’incontro con il mondo esterno e gli altri. Le opere esposte sono perciò le testimonianze di un percorso che s’interroga sui concetti filosofici, spirituali, sociali, scientifici, in una dimensione che riconosce nell’arte lo strumento per dare forme reali all’etica finalizzata al completamento dell’opera di umanizzazione, al rispetto umano delle diversità, alla salvaguardia dell’ambiente, all’ominiteismo e alla demopraxia. 

 

Dettagli
26/05/2018

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte Michelangelo Pistoletto

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte

Michelangelo Pistoletto

 

Mantova, Palazzo Ducale, Appartamento della Rustica, Cortile della Cavallerizza

23 marzo – 12 giugno 2018

 

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte è il titolo della mostra di Michelangelo Pistoletto allestita nell’Appartamento della Rustica e nel Cortile della Cavallerizza, presso il Palazzo Ducale di Mantova. La mostra, frutto di una collaborazione tra il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e Moz-Art (Arte Contemporanea), con la curatela critica di Peter Assmann, Fortunato D’Amico, Sergio Pajola e con i contributi di Renata Casarin, Marco Farano, Gianfranco Ferlisi, Antonio Mazzeri, Paolo Naldini e Giuliano Vallani ripercorre, a ritroso, il percorso estetico del più rappresentativo artista contemporaneo italiano nel mondo.

 Un’esperienza unica, quella di Michelangelo Pistoletto, sempre più orientata a unire l’operatività espressiva ad una militanza propositiva  in tutti quegli ambienti rappresentativi delle istanze dei cittadini interessati alla trasformazione sociale ed ambientale. Insieme a loro per studiare e realizzare progetti che stimolano la partecipazione degli individui alle azioni di cambiamento e di rigenerazione del territorio.

Le installazioni, nel contesto della rassegna, seguono una logica narrativa che esorta alla comprensione di una ricerca artistica sviluppata in oltre 60 anni di attività, e che a partire dai primi autoritratti, passando per i quadri specchianti, trasferisce la riflessione da se stesso all’incontro con il mondo esterno e gli altri. Le opere esposte sono perciò le testimonianze di un percorso che s’interroga sui concetti filosofici, spirituali, sociali, scientifici, in una dimensione che riconosce nell’arte lo strumento per dare forme reali all’etica finalizzata al completamento dell’opera di umanizzazione, al rispetto umano delle diversità, alla salvaguardia dell’ambiente, all’ominiteismo e alla demopraxia. 

 

Dettagli
27/05/2018

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte Michelangelo Pistoletto

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte

Michelangelo Pistoletto

 

Mantova, Palazzo Ducale, Appartamento della Rustica, Cortile della Cavallerizza

23 marzo – 12 giugno 2018

 

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte è il titolo della mostra di Michelangelo Pistoletto allestita nell’Appartamento della Rustica e nel Cortile della Cavallerizza, presso il Palazzo Ducale di Mantova. La mostra, frutto di una collaborazione tra il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e Moz-Art (Arte Contemporanea), con la curatela critica di Peter Assmann, Fortunato D’Amico, Sergio Pajola e con i contributi di Renata Casarin, Marco Farano, Gianfranco Ferlisi, Antonio Mazzeri, Paolo Naldini e Giuliano Vallani ripercorre, a ritroso, il percorso estetico del più rappresentativo artista contemporaneo italiano nel mondo.

 Un’esperienza unica, quella di Michelangelo Pistoletto, sempre più orientata a unire l’operatività espressiva ad una militanza propositiva  in tutti quegli ambienti rappresentativi delle istanze dei cittadini interessati alla trasformazione sociale ed ambientale. Insieme a loro per studiare e realizzare progetti che stimolano la partecipazione degli individui alle azioni di cambiamento e di rigenerazione del territorio.

Le installazioni, nel contesto della rassegna, seguono una logica narrativa che esorta alla comprensione di una ricerca artistica sviluppata in oltre 60 anni di attività, e che a partire dai primi autoritratti, passando per i quadri specchianti, trasferisce la riflessione da se stesso all’incontro con il mondo esterno e gli altri. Le opere esposte sono perciò le testimonianze di un percorso che s’interroga sui concetti filosofici, spirituali, sociali, scientifici, in una dimensione che riconosce nell’arte lo strumento per dare forme reali all’etica finalizzata al completamento dell’opera di umanizzazione, al rispetto umano delle diversità, alla salvaguardia dell’ambiente, all’ominiteismo e alla demopraxia. 

 

Dettagli
01/06/2018

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte Michelangelo Pistoletto

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte

Michelangelo Pistoletto

 

Mantova, Palazzo Ducale, Appartamento della Rustica, Cortile della Cavallerizza

23 marzo – 12 giugno 2018

 

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte è il titolo della mostra di Michelangelo Pistoletto allestita nell’Appartamento della Rustica e nel Cortile della Cavallerizza, presso il Palazzo Ducale di Mantova. La mostra, frutto di una collaborazione tra il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e Moz-Art (Arte Contemporanea), con la curatela critica di Peter Assmann, Fortunato D’Amico, Sergio Pajola e con i contributi di Renata Casarin, Marco Farano, Gianfranco Ferlisi, Antonio Mazzeri, Paolo Naldini e Giuliano Vallani ripercorre, a ritroso, il percorso estetico del più rappresentativo artista contemporaneo italiano nel mondo.

 Un’esperienza unica, quella di Michelangelo Pistoletto, sempre più orientata a unire l’operatività espressiva ad una militanza propositiva  in tutti quegli ambienti rappresentativi delle istanze dei cittadini interessati alla trasformazione sociale ed ambientale. Insieme a loro per studiare e realizzare progetti che stimolano la partecipazione degli individui alle azioni di cambiamento e di rigenerazione del territorio.

Le installazioni, nel contesto della rassegna, seguono una logica narrativa che esorta alla comprensione di una ricerca artistica sviluppata in oltre 60 anni di attività, e che a partire dai primi autoritratti, passando per i quadri specchianti, trasferisce la riflessione da se stesso all’incontro con il mondo esterno e gli altri. Le opere esposte sono perciò le testimonianze di un percorso che s’interroga sui concetti filosofici, spirituali, sociali, scientifici, in una dimensione che riconosce nell’arte lo strumento per dare forme reali all’etica finalizzata al completamento dell’opera di umanizzazione, al rispetto umano delle diversità, alla salvaguardia dell’ambiente, all’ominiteismo e alla demopraxia. 

 

Dettagli
02/06/2018

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte Michelangelo Pistoletto

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte

Michelangelo Pistoletto

 

Mantova, Palazzo Ducale, Appartamento della Rustica, Cortile della Cavallerizza

23 marzo – 12 giugno 2018

 

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte è il titolo della mostra di Michelangelo Pistoletto allestita nell’Appartamento della Rustica e nel Cortile della Cavallerizza, presso il Palazzo Ducale di Mantova. La mostra, frutto di una collaborazione tra il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e Moz-Art (Arte Contemporanea), con la curatela critica di Peter Assmann, Fortunato D’Amico, Sergio Pajola e con i contributi di Renata Casarin, Marco Farano, Gianfranco Ferlisi, Antonio Mazzeri, Paolo Naldini e Giuliano Vallani ripercorre, a ritroso, il percorso estetico del più rappresentativo artista contemporaneo italiano nel mondo.

 Un’esperienza unica, quella di Michelangelo Pistoletto, sempre più orientata a unire l’operatività espressiva ad una militanza propositiva  in tutti quegli ambienti rappresentativi delle istanze dei cittadini interessati alla trasformazione sociale ed ambientale. Insieme a loro per studiare e realizzare progetti che stimolano la partecipazione degli individui alle azioni di cambiamento e di rigenerazione del territorio.

Le installazioni, nel contesto della rassegna, seguono una logica narrativa che esorta alla comprensione di una ricerca artistica sviluppata in oltre 60 anni di attività, e che a partire dai primi autoritratti, passando per i quadri specchianti, trasferisce la riflessione da se stesso all’incontro con il mondo esterno e gli altri. Le opere esposte sono perciò le testimonianze di un percorso che s’interroga sui concetti filosofici, spirituali, sociali, scientifici, in una dimensione che riconosce nell’arte lo strumento per dare forme reali all’etica finalizzata al completamento dell’opera di umanizzazione, al rispetto umano delle diversità, alla salvaguardia dell’ambiente, all’ominiteismo e alla demopraxia. 

 

Dettagli
03/06/2018

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte Michelangelo Pistoletto

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte

Michelangelo Pistoletto

 

Mantova, Palazzo Ducale, Appartamento della Rustica, Cortile della Cavallerizza

23 marzo – 12 giugno 2018

 

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte è il titolo della mostra di Michelangelo Pistoletto allestita nell’Appartamento della Rustica e nel Cortile della Cavallerizza, presso il Palazzo Ducale di Mantova. La mostra, frutto di una collaborazione tra il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e Moz-Art (Arte Contemporanea), con la curatela critica di Peter Assmann, Fortunato D’Amico, Sergio Pajola e con i contributi di Renata Casarin, Marco Farano, Gianfranco Ferlisi, Antonio Mazzeri, Paolo Naldini e Giuliano Vallani ripercorre, a ritroso, il percorso estetico del più rappresentativo artista contemporaneo italiano nel mondo.

 Un’esperienza unica, quella di Michelangelo Pistoletto, sempre più orientata a unire l’operatività espressiva ad una militanza propositiva  in tutti quegli ambienti rappresentativi delle istanze dei cittadini interessati alla trasformazione sociale ed ambientale. Insieme a loro per studiare e realizzare progetti che stimolano la partecipazione degli individui alle azioni di cambiamento e di rigenerazione del territorio.

Le installazioni, nel contesto della rassegna, seguono una logica narrativa che esorta alla comprensione di una ricerca artistica sviluppata in oltre 60 anni di attività, e che a partire dai primi autoritratti, passando per i quadri specchianti, trasferisce la riflessione da se stesso all’incontro con il mondo esterno e gli altri. Le opere esposte sono perciò le testimonianze di un percorso che s’interroga sui concetti filosofici, spirituali, sociali, scientifici, in una dimensione che riconosce nell’arte lo strumento per dare forme reali all’etica finalizzata al completamento dell’opera di umanizzazione, al rispetto umano delle diversità, alla salvaguardia dell’ambiente, all’ominiteismo e alla demopraxia. 

 

Dettagli
08/06/2018

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte Michelangelo Pistoletto

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte

Michelangelo Pistoletto

 

Mantova, Palazzo Ducale, Appartamento della Rustica, Cortile della Cavallerizza

23 marzo – 12 giugno 2018

 

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte è il titolo della mostra di Michelangelo Pistoletto allestita nell’Appartamento della Rustica e nel Cortile della Cavallerizza, presso il Palazzo Ducale di Mantova. La mostra, frutto di una collaborazione tra il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e Moz-Art (Arte Contemporanea), con la curatela critica di Peter Assmann, Fortunato D’Amico, Sergio Pajola e con i contributi di Renata Casarin, Marco Farano, Gianfranco Ferlisi, Antonio Mazzeri, Paolo Naldini e Giuliano Vallani ripercorre, a ritroso, il percorso estetico del più rappresentativo artista contemporaneo italiano nel mondo.

 Un’esperienza unica, quella di Michelangelo Pistoletto, sempre più orientata a unire l’operatività espressiva ad una militanza propositiva  in tutti quegli ambienti rappresentativi delle istanze dei cittadini interessati alla trasformazione sociale ed ambientale. Insieme a loro per studiare e realizzare progetti che stimolano la partecipazione degli individui alle azioni di cambiamento e di rigenerazione del territorio.

Le installazioni, nel contesto della rassegna, seguono una logica narrativa che esorta alla comprensione di una ricerca artistica sviluppata in oltre 60 anni di attività, e che a partire dai primi autoritratti, passando per i quadri specchianti, trasferisce la riflessione da se stesso all’incontro con il mondo esterno e gli altri. Le opere esposte sono perciò le testimonianze di un percorso che s’interroga sui concetti filosofici, spirituali, sociali, scientifici, in una dimensione che riconosce nell’arte lo strumento per dare forme reali all’etica finalizzata al completamento dell’opera di umanizzazione, al rispetto umano delle diversità, alla salvaguardia dell’ambiente, all’ominiteismo e alla demopraxia. 

 

Dettagli
09/06/2018

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte Michelangelo Pistoletto

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte

Michelangelo Pistoletto

 

Mantova, Palazzo Ducale, Appartamento della Rustica, Cortile della Cavallerizza

23 marzo – 12 giugno 2018

 

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte è il titolo della mostra di Michelangelo Pistoletto allestita nell’Appartamento della Rustica e nel Cortile della Cavallerizza, presso il Palazzo Ducale di Mantova. La mostra, frutto di una collaborazione tra il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e Moz-Art (Arte Contemporanea), con la curatela critica di Peter Assmann, Fortunato D’Amico, Sergio Pajola e con i contributi di Renata Casarin, Marco Farano, Gianfranco Ferlisi, Antonio Mazzeri, Paolo Naldini e Giuliano Vallani ripercorre, a ritroso, il percorso estetico del più rappresentativo artista contemporaneo italiano nel mondo.

 Un’esperienza unica, quella di Michelangelo Pistoletto, sempre più orientata a unire l’operatività espressiva ad una militanza propositiva  in tutti quegli ambienti rappresentativi delle istanze dei cittadini interessati alla trasformazione sociale ed ambientale. Insieme a loro per studiare e realizzare progetti che stimolano la partecipazione degli individui alle azioni di cambiamento e di rigenerazione del territorio.

Le installazioni, nel contesto della rassegna, seguono una logica narrativa che esorta alla comprensione di una ricerca artistica sviluppata in oltre 60 anni di attività, e che a partire dai primi autoritratti, passando per i quadri specchianti, trasferisce la riflessione da se stesso all’incontro con il mondo esterno e gli altri. Le opere esposte sono perciò le testimonianze di un percorso che s’interroga sui concetti filosofici, spirituali, sociali, scientifici, in una dimensione che riconosce nell’arte lo strumento per dare forme reali all’etica finalizzata al completamento dell’opera di umanizzazione, al rispetto umano delle diversità, alla salvaguardia dell’ambiente, all’ominiteismo e alla demopraxia. 

 

Dettagli
10/06/2018

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte Michelangelo Pistoletto

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte

Michelangelo Pistoletto

 

Mantova, Palazzo Ducale, Appartamento della Rustica, Cortile della Cavallerizza

23 marzo – 12 giugno 2018

 

Da Cittadellarte alla Civiltà dell’Arte è il titolo della mostra di Michelangelo Pistoletto allestita nell’Appartamento della Rustica e nel Cortile della Cavallerizza, presso il Palazzo Ducale di Mantova. La mostra, frutto di una collaborazione tra il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e Moz-Art (Arte Contemporanea), con la curatela critica di Peter Assmann, Fortunato D’Amico, Sergio Pajola e con i contributi di Renata Casarin, Marco Farano, Gianfranco Ferlisi, Antonio Mazzeri, Paolo Naldini e Giuliano Vallani ripercorre, a ritroso, il percorso estetico del più rappresentativo artista contemporaneo italiano nel mondo.

 Un’esperienza unica, quella di Michelangelo Pistoletto, sempre più orientata a unire l’operatività espressiva ad una militanza propositiva  in tutti quegli ambienti rappresentativi delle istanze dei cittadini interessati alla trasformazione sociale ed ambientale. Insieme a loro per studiare e realizzare progetti che stimolano la partecipazione degli individui alle azioni di cambiamento e di rigenerazione del territorio.

Le installazioni, nel contesto della rassegna, seguono una logica narrativa che esorta alla comprensione di una ricerca artistica sviluppata in oltre 60 anni di attività, e che a partire dai primi autoritratti, passando per i quadri specchianti, trasferisce la riflessione da se stesso all’incontro con il mondo esterno e gli altri. Le opere esposte sono perciò le testimonianze di un percorso che s’interroga sui concetti filosofici, spirituali, sociali, scientifici, in una dimensione che riconosce nell’arte lo strumento per dare forme reali all’etica finalizzata al completamento dell’opera di umanizzazione, al rispetto umano delle diversità, alla salvaguardia dell’ambiente, all’ominiteismo e alla demopraxia. 

 

Dettagli

CercaInformazioni disabiliCalendarioBiglietti